Io m'aggio posto in core a Dio servire: commento e metrica

Appunto inviato da laur87
/5

Io m'aggio posto in core a Dio servire: commento e metrica del sonetto di Jacopo da Lentini (1 pagine formato doc)

IO M'AGGIO POSTO IN CORE A DIO SERVIRE: COMMENTO E METRICA

Commento alla poesia "Io m'aggio posto in core a Dio servire".

Io m’aggio posto in core” è un sonetto, di Jacopo da Lentini, particolare poiché racchiude al suo interno al sentimento religioso e sentimento amoroso.
Iacopo da Lentini introduce una rappresentazione del paradiso come luogo in cui sollazzo, gioco e  riso durano in eterno.
Ma per godere (gaudere) veramente il poeta non può fare a meno della sua donna. Ma il termine gaudere appare ambiguo al poeta che sente istantaneamente il bisogno di precisare che con lei non vuole commettere alcun peccato, ma soltanto compiacersi della sua gloria.
Il tema di fondo di questo componimento è la forte contraddizione fra amore fisico e concezione cristiana del paradiso.
Il poeta non volendo commettere peccato utilizza l’immagine del paradiso come metafora per esaltare la bellezza e l’ incomparabile valore della donna, della cui presenza vuole compiacersi in eterno.
Molto forte è l’influenza della poesia provenzale, non soltanto nell’affrontare il tema dell’amore ma soprattutto a livello stilistico.

Io m'aggio posto in core a Dio Servire: analisi

IO M'AGGIO POSTO IN CORE A DIO SERVIRE: NOTA METRICA

Tipico dello stereotipo provenzale la descrizione della donna, caratterizzata da una carnagione chiara e da capelli biondi, ma anche molti termini del testo come sollazzo, riso e gioco.
L’attenzione cade in particolare sulla ripetizione dell’aggettivo bel che mette in risalto la contemplazione della donna nelle sue migliori qualità.
Infine la rima utilizzata ABAB, ABAB, CDC, DCD è tipica della scuola siciliana.

.