Pascoli: poetica e linguaggio

Appunto inviato da salvatoretartaglia
/5

La vita, il linguaggio adottato e la poetica di Giovanni Pascoli (3 pagine formato doc)

Il carattere dominante della poesia del Pascoli è costituito dallÂ’evasione della realtà per rifugiarsi nel mondo dellÂ’infanzia, un mondo rassicurante, dove lÂ’individuo si sente isolato ma tranquillo rispetto ad una realtà che non capisce e quindi teme.

Il Pascoli esprime questa sua poetica in uno scritto che intitola “Il fanciullino”. Fu completamente nuovo, soprattutto per la letteratura italiana, in cui persiste ancora la tradizione classica. Qui la frase si spezza; il soggetto è spesso da solo, senza bisogno di un verbo che lo specifichi.
Il tutto è affidato a parole che riproducono suoni (frequentissime sono le onomatopee) oppure a immagini che evocano sentimenti. Possiamo quindi definirlo un linguaggio completamente innovativo nella letteratura italiana, che nel Pascoli forse è più intuitivo che non una semplice imitazione del Decadentismo; è qualcosa di istintivo, che risponde perfettamente al suo modo di esprimersi e alla sua visione della vita. Possiamo definirlo inoltre un linguaggio pittorico: si affida molto al colore, come anche alla musicalità e unendo queste due componenti realizza spesso delle sinestesie (mescolando sensazioni che provengono da sensi diversi).