Sei personaggi in cerca d'autore: analisi

Appunto inviato da rigliettialessandro
/5

Sei personaggi in cerca d'autore: analisi e descrizione dei personaggi dell'opera teatrale più famosa di Luigi Pirandello (3 pagine formato doc)

SEI PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE ANALISI

Sei personaggi in cerca d'autoreLuigi Pirandello è stato, intorno agli anni ’20, impegnato nella stesura di opere teatrali con lo scopo di mettere in scena il dramma borghese, come realtà irrappresentabile.
Si ha, per questo, l’impossibilità da parte dell’arte e quindi anche del teatro di trovare un senso comune ed unitario di vita. Pirandello, pertanto, adotta una tecnica teatrale denominata “teatro nel teatro”, per mostrare l’inconciliabile rapporto tra arte e realtà borghese.
Qui gli attori perdono la loro identità diventando spettatori e tutto si amalgama a tal punto da fondere la realtà con la finzione. Tale tecnica, che mette in scena una recita nella recita, era già presente nell’età del Manierismo e del Barocco, ma solo nel teatro novecentesco viene rivisitata da Pirandello con una precisa finalità: mettere in discussione il teatro. Ed è questo che induce Pirandello ad una reale innovazione, consistente nel porre il teatro come finzione scenica e il metateatro come discussione di tale finzione.
 
 

SEI PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE DESCRIZIONE PERSONAGGI

Questi contenuti sono sviluppati nella famosa trilogia composta da tre opere teatrali denominate rispettivamente: “Sei personaggi in cerca d'autore”, “Ciascuno a suo modo” e “Questa sera si recita a soggetto”. È proprio da questi drammi che si evincono i punti cardine della sua realtà teatrale, nonché l’acquisizione da parte dei personaggi di una piena autonomia, che sfocia nello smascheramento degli artifici teatrali, e porre il teatro come anticipazione della realtà, in una progressiva evoluzione di pensiero che si matura nella stessa connotazione negativa del teatro. Ma l’opera che ha plasmato in maggior consistenza la sua dottrina teatrale è stata “Sei personaggi in cerca d'autore”, composta nel 1921 circa e rivisitata in modo più approfondito nel 1925. L’opera, le cui tematiche sono state già anticipate in altri scritti, non è suddivisa in atti come i tradizionali drammi, ma è comunque possibile darle una ripartizione in base alle naturali interruzioni che si creano nel susseguirsi delle vicende.
 

Sei personaggi in cerca d'autore: analisi dettagliata

SEI PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE PERSONAGGI

L’antefatto si caratterizza per l’arrivo di sei personaggi (il Padre, la Madre, la Figliastra, il Figlio, il Giovinetto e la Bambina), i quali irrompendo sul palcoscenico, già popolato dagli Attori (il Capocomico, il primo attore, la prima attrice, la seconda donna, l’attrice giovane e l’attore giovane), illustrano al meglio la loro vicenda per farla inscenare. Il Padre spiega, secondo il suo personale punto di vista, come il tradimento di sua moglie con un altro uomo sia stata la causa della fine della loro storia d’amore. La Madre, nonché la moglie del Padre, fu pertanto privata del Figlio, nato dal matrimonio con il Padre, e successivamente fu privata anche dell’amore del convivente, il quale morendo, lasciò la donna e i tre figli (la Figliastra, il Giovinetto e la Bambina) da lei avuti. Lo spiacevole evento creò un tale disagio economico da costringere la Madre a lavorare come sarta nella bottega di Madama Pace, la quale nasconde nel retrobottega una casa di appuntamenti. Qui la Figliastra si prostituisce al fine di dare un ausilio economico alla famiglia.