L'umorismo di Pirandello

Appunto inviato da steffi88
/5

riassunto del saggio di Luigi Pirandello (1 pagine formato doc)

L'umorismo di Pirandello.

1) La scomposizione, la disarmonia, la divagazione, il grottesco. 2) Strutture aperte. 3) Rifiuto del Sublime e linguaggio quotidiano 4) La “destituzione dellÂ’io” 5) Estraneità e riflessione: prevalenza del momento cerebrale 6) Opposizione alla concezione classica dellÂ’arte, a quella romantica e a quella decadente 7) Il rifiuto del Simbolismo e la scelta dellÂ’allegoria. Questi caratteri teorizzati da Pirandello sono riscontrabili nella sua produzione narrativa e teatrale fra il 1904 e il 1925.

Leggi anche Appunti sull'Umorismo di Pirandello

1.
mentre lÂ’arte tradizionale tende alla coerenza e alla compostezza e, mirando a comunicare una presunta verità o essenza delle cose, scarta gli elementi casuali e accessori, lÂ’arte umoristica di Pirandello ama la discordanza, la disarmonia, la contraddizione, indugia in divagazioni e in particolari gratuiti, distrugge le gerarchie e i sistemi di valore del passato, predilige il difforme, il grottesco, lÂ’incongruente, il ridicolo, il dissonante.

Leggi anche Biografia di Luigi Pirandello

2. nella consapevolezza che la vita “non conclude” – non ha un ordine, un senso, un inizio o una fine -, anche Pirandello nelle sue opere umoristiche punta a strutture aperte e in concluse.