Il Positivismo, gli Antipositivisti, Verga e il Ciclo dei Vinti

Appunto inviato da adm90music
/5

Note con approfondimenti su Verga, Emile Zola e Baudelaire, con un breve approfondimento sui principali antipositivisti, le tecniche utilizzate da Verga (4 pagine formato doc)

POSITIVISMO

Il Positivismo è un indirizzo di pensiero nato in Francia a partire dalla seconda metà dell'Ottocento.
Il termine venne coniato dal filosofo utopista de Saint Simon per indicare il metodo seguito dalle scienze positive (matematica, fisica e scienze naturali) fondato sull'osservazione reale dei fenomeni, sulla sperimentazione, la verifica della teoria e la prova dei fatti.

Questa cultura nasce dal bisogno di rappresentare la realtà in maniera concreta ed oggettiva, delineando le problematiche sociali e politiche affrontate con metodo scientifico e sperimentale da uno scrittore scienziato attraverso la sociologia, la psicanalisi e la teoria dell'evoluzione.

FRIEDRICH NIETZSCHE

A confutare la tesi di una società orientata al miglioramento si schierò il nichilista Friedrich Nietzsche , che in risposta all'assoluta fiducia nella ragione negò l'esistenza di qualsiasi valore e verità (nichilismo = nulla).
Il superuomo è un uomo libero, incondizionato da idee e leggi imposte dall'alto, impegnato a realizzare totalmente sé stesso, disposto a superare gli ostacoli della morale a costo di reprimere desideri ed aspirazioni individuali.

SIGMUND FREUD

Il neurologo Sigmund Freud ipotizzò l'esistenza dell'inconscio, una zona oscura tra il subconscio e il conscio, capace di condizionare l'attività cosciente degli individui. Analizzando ciò che rimane appunto sotto la soglia della coscienza, Freud fondò la psicanalisi, volta a tentare la cura dei disturbi mentali. Freud scoprì inoltre la sessualità (libido) nella vita psichica e il complesso di Edipo e di Elettra, ovverosia un forte sentimento di gelosia del bambino nei confronti del genitore dello stesso sesso e la lotta per il possesso del genitore prediletto di cui è innamorato. Queste affermazioni misero fortemente in discussione la morale comune e portarono a violente reazioni.