Terzo canto dell'Inferno di Dante: analisi

Appunto inviato da gave95
/5

Analisi, riassunto e commento del canto 3 dell'Inferno della Divina commedia di Dante Alighieri (2 pagine formato doc)

TERZO CANTO INFERNO

Canto Terzo Questionario
1)    Spiega i seguenti termini danteschi : fattore, segrete, guai, tinta, tratta, conte , riviera
2)    Con quali celebri versi si apre il canto terzo dell'Inferno?
3)    Da chi e perché fu creato 'Inferno ?
4)    Quali le prime impressioni di Dante una volta varcata la porta infernale?
5)    In questo canto vediamo due schiere di dannati quali?
6)    Quali sono le caratteristiche comuni agli uni e agli altri? Quali le differenze?
7)    Nell'inferno le pene sono assegnate ai peccatori secondo giustizia in base alla legge del Contrappasso per analogia o per contrasto , cioè ?
8)    Perché le anime degli ignavi si trovano nel vestibolo dell'Inferno ?
9)    In base alla legge del contrappasso a quale pena sono sottoposti? Agli ignavi è applicata la regola del contrappasso per analogia o per contrasto ?
10)    Caronte, il personaggio che anima la scena, viene descritto non preliminarmente ma mentre agisce e parla, in azione.

Come appare?
11)    Qual è il modo verbale prevalente nelle sue parole?

Canto 3 Inferno: riassunto

CANTO 3 INFERNO: FIGURE RETORICHE

12)    Il canto di conclude con due similitudini quali? Quale ti sembra che sia il loro significato profondo nel raffigurare la condizione dei dannati?
13)    Rintraccia nel canto le figure retoriche qui elencate : anafora, anastrofe, perifrasi ,chiasmo, climax, metafora, litote.
1)    Alto fattore : Divino creatore,  “mosse il mio alto fattore”  v.

4
Segrete : Etimologicamente difficilmente accessibile, nascosto v. 21
Guai : Guaiti delle bestie, lamenti v.22
Tinta : Buia, scusa v. 29
Tratta : Veloce v.53
Riviera : La sponda v.78
Conte : Noto, conosciuto v.76
2)    Per me si va ne la città dolente,
per me si va ne l'etterno dolore,
per me si va tra la perduta gente.
Parole scritte sull'architrave della porta dell0inferno.
3)    Fu creato dal divino potere (Dio). L'alto fattore scaraventò Lucifero sulla terra ed esso formò una voragine, dando inizio al peccato, alla storia. L'Inferno servì per ristabilire l'ordine per la giustizia divina.
Prima erano eterni solo il Purgatorio e il Paradiso ( Ora la vita contrapposta alla morte, sulla terra inizia il tempo ).

TEMA TERZO CANTO INFERNO

4)    Dante ha timore e piange, ha la testa ancora avvolta nel dubbio.
Tra Dante e Virgilio si instaura un rapporto (Maestro → Allievo) ;
5)    Prima incontra gli Ignavi ( Sono la pura negazione, non sono nulla infatti Dante usa la tecnica della negazione per introdurli nella Divina commedia ). Inseguito incontra le anime dei dannati (Che devono attraversare il fiume Acheronte ).
6)    Entrambi devono patire le pene eterne dell'inferno . Negli ignavi fanno parte  i diavoli neri,gli angeli che non furono fedeli a Dio e, che non furono capaci di prendere una posizione .
7)    Il contrappasso può essere per analogia o per contrasto:
- per analogia, la pena è uguale al peccato: ad esempio, i lussuriosi, che si sono lasciati travolgere dalla passione amorosa, ora sono travolti da una bufera;
- per contrasto, la pena è l'opposto del peccato: per esempio, gli ignavi (coloro che non si sono mai schierati) sono costretti a correre per l'eternità dietro ad un vessillo bianco.
 8)    Perché non hanno mai scelto, sono stati per se stessi, sono così schifosi che non possono andare all'inferno, la negazione della vita stessa .