Vita nuova di Dante Alighieri: significato e analisi

Appunto inviato da 1990beppe1990
/5

Significato e analisi della Vita nuova di Dante Alighieri (6 pagine formato doc)

VITA NUOVA DANTE: SIGNIFICATO E ANALISI

Vita Nuova di Dante Alighieri.

Nel 1290 Dante inizia a scrivere la Vita Nuova, che è un prosimetrum: è infatti un opera che unisce poesia e prosa. Rappresenta una sorta di autobiografia spirituale incentrata sul suo amore per Beatrice. La Vita Nuova raccoglie poesie stilnoviste tutte dedicate a Beatrice, scritte tra il 1280 e il 1290, precedute spesso da un’introduzione e sempre seguite da un commento in prosa di Dante che introduce, narra e spiega i diversi episodi che hanno ispirato le varie poesie; il commento spiega inoltre il contenuto delle poesie stesse e dei principi che le hanno ispirate (contiene dunque anche numerose dichiarazioni di poetica).
Quindi la Vita Nuova non è solo una raccolta di componimenti, ma anche un trattato di poetica, filosofia e tecniche per comporre poesie.

Vita nuova di Dante: significato, analisi e struttura

VITA NOVA: ANALISI

Proemio. Dante utilizza, nella prima riga, la metafora topica del libro della memoria (come nella Divina Commedia – Inferno – Canto II). Nella Vita Nuova vi è costantemente la narrazione (non sempre semplice) accostata a costruzioni simboliche e allegoriche ben precise. Si parla perciò di un libro della memoria diviso in vari capitoli, che corrispondono ai periodi della vita di Dante. Nella seconda riga rubrica indica il titolo di un capitolo, che sarebbe “Incipit vita nova”. I titoli dei libri e dei singoli capitoli erano in latino anche nelle opere in volgare. Con il termine “vita nuova” si fa riferimento alla giovinezza. Nel Proemio l’autore dice che il libro contiene fatti (parole r.3) e che Dante vuole attingere alla memoria per scrivere un libro destinato al pubblico: è così espresso il passaggio dal libro metaforico al libro reale. Il Proemio è scritto in prosa in uno stile abbastanza facile e comprensibile che può essere paragonata alla prosa latina (che in questo caso viene presa come modello).

VITA NUOVA DANTE: SIGNIFICATO

La doona schermo. La Vita Nuova si basa sul alcuni eventi fondamentali della vita di Dante: il primo incontro con Beatrice, avvenuto a 9 anni, il secondo incontro con Beatrice, avvenuto a 18 anni e in quell’occasione la donna lo saluta. Successivamente Dante si trova a contemplare Beatrice all’interno di una chiesa e il suo sguardo cade su una donna fra Dante e Beatrice, e i presenti pensano che sia innamorato di lei e che a questa seconda donna rivolga le poesie. Sfruttando le false opinioni Dante dedica poesie a Beatrice con una certa discrezione per proteggerne l’identità (senhal). La donna a cui Dante si rivolge è perciò una donna schermo ed è probabilmente uno degli altri amori stilnovisti di Dante ed è inserito nella Vita Nuova con questa precisa funzione di fungere da senhal. Ciò serve a Dante per dare una struttura narrativa all’opera per ripararsi dall’amore di Beatrice. In seguito a delle maldicenze per questo amore verso la donna schermo, Beatrice nega il saluto a Dante e lo critica apertamente. Nell’ideale cortese il saluto è centrale e così Dante vive un momento di disperazione.