Orazio

Appunto inviato da farfa
/5

Contesto storico e opere di Orazio. (3 pagg., formato word) (0 pagine formato doc)

CONTESTO STORICO ORAZIO CONTESTO STORICO Il periodo che va dalla morte di Cesare nel 44 alla battaglia di Azio nel 31,combattuta tra Ottaviano e Antonio, si pu?finire della “Grande Paura”, infatti i loro eserciti hanno sparso sangue in tutto il paese, colpendo i ceti pi?difesi.
Quindi, quando Ottaviano ristabilisce la pace, detta pax augustea, con la vittoria di Azio, viene visto come un salvatore e viene celebrato persino da Virgilio nell'Eneide, attraverso la figura di Enea, che, come Ottaviano, ?stremamente contradditorio e conflittuale. Sul piano letterario la caratteristica pi?liente della produzione augustea ?a sua densit?i capolavori: Virgilio, Orazio, Tibullio, Ovidio per la poesia e Livio per la storiografia.
L'ultima fase del regno di Augusto fu tempestosa e anche il clima letterario fu diverso, infatti la poesia o ?elebrativa o ?otalmente disimpegnata. EPODI La sua raccolta di 17 epodi, scritti in metro giambico, risale al 30 a.C. immediatamente dopo la battaglia di Azio nel 31 e durante i primi anni della pax augustea. Orazio rivendica il merito di aver trasferito in poesia latina i metri di Archiloco, grande poeta arcaico lirico, e a lui innanzitutto si rif?er due caratteristiche fondamentali, che sono l'aggressivit? l'interesse per le sorti della res publica. Inoltre elabora altri temi, che sono la poesia d'amore, il sentimentalismo alessandrino e la meditazione sulla condizione dell'uomo. Per? differenza di Archiloco, che era un aristocratico, Orazio ?iglio di un liberto e quindi pu?volgere la sua aggressivit?olo contro bersagli minori e addirittura fittizi. Nonostante Orazio sia noto come il poeta della misura, negli epodi, sia per esuberanza giovanile, sia per necessit?i genere, egli ?oeta di un eccesso, che va oltre la soglia del disgusto. (peggio della cicuta - il vino e il canto - giuramento d'amore). SATIRE Orazio identifica il fondatore della satira in Lucilio, e a lui risale la scelta dell'esametro come forma metrica della satira e il suo utilizzo come strumento di aggressione personale e di critica. Ma a lui Orazio critica la ridondanza dello stile e l'insofferenza al labor limae. Anche in Lucilio c'?'interesse per la riflessione morale e filosofica e particolare spazio ha l'elemento autobiografico, la sua satira descrive fatti e personaggi connessi alla vita personale del poeta. Ma non ?hiaro in lui il rapporto tra ricerca etica e aggressivit?mentre la coniugazione organica di queste due componenti ?ra le caratteristiche fondamentali della satira oraziana. Al piacere gratuito dell'aggressione Orazio sostituisce l'esigenza di analizzare i vizi mediante l'osservazione critica e la rappresentazione comica della realt?con lo scopo di individuare una strada per pochi attraverso le storture di una societ?n crisi. Gli obiettivi fondamentali della ricerca oraziana sono l'autarkeia (autosufficienza) e la metriotes (moderazione)e vengono a mancare nel momento in cui Orazio si serve della forma del dialogo, in cui egli