Odi di Orazio: temi

Appunto inviato da zimolegna
/5

Appunti su alcune tematiche delle Odi di Orazio (1 pagine formato doc)

ODI DI ORAZIO: TEMI

Odi di Orazio: temi.


- I,4        Quando l’uomo ha raggiunto l’equilibrio interiore, è pronto ad afferrare l’attimo che fugge. La meditazione Oraziana sulla fugacità del tempo raggiunge in quest’ode uno dei suoi vertici: la bellezza della primavera trascina con se la malinconia del tempo che trascorre inesorabile. Ma la primavera bisogna viverla intensamente.
- I,9    Se la primavera invita all’amore e all’esultanza dei sensi, anche l’inverno, nonostante il suo gelo, può offrire momenti di estrema dolcezza a chi è capace di assaporarli fino in fondo. Vicino al focolare si sta bene, e si capisce che la gioia non è rimasta sepolta sotto la neve, che cade incombente: si può tenere lontano il freddo dal cuore magari con l’aiuto di un buon bicchiere di vino.
Al futuro penseranno gli dei, i giovani pensino alla danze e all’amore.
- I,11        I versi sono indirizzati a una giovane donna il cui nome, Leuconoe significa in greco “dalla candida mente” e suonerebbe allusivo al tema centrale dell’ode. Ella infatti, ingenuamente, vorrebbe conoscere la vita che l’attende e x questo interroga la cabala e gli astri. Ma per Orazio è meglio la sciar perdere l’astrologia e cogliere l’attimo che fugge, assaporando con saggezza ciò che ha da offrire.
- III,13    Importa riconoscere la perfezione classica di questa poesia, tanto essenziale ed elegante nelle sue linee descrittive che essa stessa, come la fonte cui è ispirata, si potrebbe definire SPLENDIDIOR VITRO.

Odi di Orazio: riassunto e tematiche

LE ODI DI ORAZIO: TEMATICHE

- I,37    Azio, 2 settembre dell’anno 31 a.C:sconfitta di Cleopatra e Antonio. Alessandria d’Egitto, agosto dell’anno 30 a.C: morte di C. e A. Roma non ha + nulla da temere: la guerra è veramente finita. Al diffondersi della notizia, tutti i romani esultano. Anche Orazio esulta: compone questo carme glorificando, si, il vincitore, ma + che altro esprimendo la sua gioia x’ la regina nemica di Roma è morta e con lei è scomparsa la minaccia del mondo orientale su quello occidentale.Prova ne è il fatto che Ottaviano è nominato solo di sfuggita, ed Antonio, vergogna di Roma, viene dimenticato del tutto. Campeggia invece, isolata, la figura di Cleopatra, regina funesta circondata da un gregge di uomini turpi.