Carpe diem, Orazio: testo e traduzione

Appunto inviato da alepa
/5

traduzione del Carmina I, 11 di Orazio con testo originale (1 pagine formato doc)

Carpe diem, Orazio: testo e traduzione - Carpe Diem - Tu ne quaesieris (scire nefas) quem mihi, quem tibi Finem di dederint, Leuconoe, nec Babylonios Temptaris numeros.

Ut melius quicquid erit pati, seu pluris hiemes seu tribuit Iuppiter ultimam, quae nunc oppositis debilitat pumicibus mare Tyrrhenum: sapias, vina liques et spatio brevi Spem longam reseces.

Leggi anche Carpe diem di Orazio: traduzione

Dum loquimur, fugerit invidia Aetas: carpe diem, quam minimum credula postero. (Orazio) Cogli l'attimo Tu non chiedere (è inutile saperlo) quale fine gli dei Abbiano assegnato a me, quale a te, oh Leuconoe, e non tentare i calcoli dei babilonesi.Quanto meglio sarà sopportare qualsiasi cosa, sia che Giove ci abbia assegnato molti inverni, sia che che ci abbia assegnato l'ultimo, che ora squassa il mar Tirreno sugli opposti scogli: sii saggia, mesci il vino e recidi la lunga speranza poiché lo spazio è breve.


Leggi anche La traduzione letterale del Carpe diem di Orazio

Mentre parliamo il tempo invidioso sarà già passato: cogli l'attimo, fidandoti del futuro il meno possibile. Orazio si rivolge a una ragazza ansiosa di conoscere il proprio futuro e le detta alcune semplici norme di una vita ideale di saggezza: bisogna accettare il proprio destino e godere il tempo presente vivendo ogni giorno come se fosse l'ultimo della nostra esistenza perché la vita è precari e fugace ed è praticamente impossibile sapere cosa ci riserverà il domani.