Lucrezio

Appunto inviato da karmina Voto 3

Appunti sulla vita, sulle opere e sull'ideologia di Lucrezio. ( formato txt) (0 pagine formato txt)

Lucrezio 1. Biografia Originario di Napoli o Pompei nacque nel 94 a.C. e morì nel 50 a.C., secondo quanto indicato nella "Cronaca" di Girolamo. Il poema di Lucrezio non contiene riferimenti autobiografici ma solo vaghi accenni alla condizione socio-politica del tempo. Fu tuttavia uno dei più autorevoli divulgatori dell'epicureismo a Roma. Rimase estraneo alle vicende politiche coerentemente alla dottrina epicurea: l'interesse dell'epicureo è volto al destino di tutta l'umanità e non a quello dei concittadini e dei contemporanei. 2. Epicureismo a Roma La cultura greca si era ormai fusa con quella romana, divenendone uno dei capisaldi e vincendo i contrasti esasperati. Le travagliate vicende politiche e il bisogno di una meditata riflessione costituiscono le condizioni necessarie alla diffusione della filosofia greca a Roma. Si diffondono il pitagorismo, l'orfismo, lo stoicismo e l'ultimo accademismo: tali dottrine filosofiche si sostituiscono talvolta al culto religioso (pitagorismo) * Epicureismo Epicureo pone l'accento sulla rivalutazione dell'uomo (l'epicureismo affianca così l'ideale di humanitas romano) * L'uomo può giungere alla felicità e al piacere attraverso la filosofia: in questa prospettiva anche la morte non va temuta. Allo stesso modo non vanno temuti gli dei poiché privi di passioni. * Condizione necessaria per giungere alla felicità e al piacere è la liberazione dall'ignoranza e dalla stoltezza, che impedisce all'uomo di guardare correttamente la realtà: la natura come aggregazione di atomi (visione meccanicistica) * Epicuro afferma l'uguaglianza fra gli uomini e l'immotivazione della superiorità di una classe rispetto ad un'altra 3. De rerum natura Opera organica composta di 6 libri in esametri dedicata a Gaio Memmio pretore di Bitinia Scopo didascalico e propagandistico e d'insegnamento anche scientifico * Scansione del poema 3 diadi di 2 libri ciascuna I-II libro Teoria degli atomi III-IV libro L'anima e la conoscenza V-Vi libro Dottrina del mondo Teoria degli atomi * Proemio con inno a Venere: figura di prosopopea, personificazione di una dimensione astratta (la Natura, forza vitale di tutto l'universo) * Elogio di Epicuro: Epicuro ha liberato la mente degli uomini da pregiudizi e superstizioni, che la tenevano schiava, potenziando la ratio (tutte le cose accadono non per volere divino ma per precise leggi naturali) che si oppone alla religio (superstizione) (do ut des). Visione meccanicistica: processo di aggregazione e disgregazione degli atomi * Esortazione a liberarsi dal timore della morte e ammissione della povertà della lingua latina in relazione alla complessità delle dottrine greche L'anima e la conoscenza * Distinzione fra animus (anima razionale) e anima (anima vegetativa): entrambi di natura corporea ma composti di atomi più leggeri * Infondatezza della paura della morte: dopo la disgregazione degli atomi non si può avere esperienza sensibile della sofferenza. * La conoscenza è fondata su basi sensistiche: dai corpi