Cornelio Nepote

Appunto inviato da noodles
/5

Traduzione di brani tratti dalle opere di Cornelio Nepote con paradigmi dei verbi. ( 10 pag - formato word ) (0 pagine formato doc)

VITA E OPERE DI CORNELIO NEPOTE (100 CA Vita e opere di Cornelio Nepote (100 ca.
a.C. - 30 ca. a.C.) Nacque probabilmente intorno al 100 a.C. nella Gallia Cisalpina, più precisamente nei pressi di Pavia. Fu amico di Cicerone, Catullo e Attico. Morì intorno al 30 a.C., sotto il principato di Augusto. Nepote non fu un uomo politico, a differenza del suo amico Cicerone, ma solo scrittore. Il vero fine di Nepote era di sviluppare nei suoi contemporanei l'amore per la patria, proponendo degli esempi di uomini illustri. Inoltre, presentando delle culture differenti da quella romana, riteneva che i Romani non dovessero sentirsi superiori agli altri popoli. Opere: l'unica opera pervenutaci è il De viris illustribus, raccolta di biografie di uomini illustri (in sedici libri) raggruppate in varie categorie (generali, monarchi, storici, grammatici, poeti) e divisa tra stranieri e Romani.
Il De viris illustribus ispirerà a Plutarco l'opera Le vite parallele, alla quale si ispirerà William Shakespeare. Stile: Nepote era un mediocre scrittore (periodi semplici) e un pessimo storico (non controllava le sue fonti e, spesso, commetteva delle imprecisioni, come quando attribuì a Milziade delle imprese compiute da un omonimo zio). La spedizione di Dario contro la Grecia (Cornelio Nepote, Miltiades, IV) Darius autem, cum ex Europa in Asiam redisset, hortantibus amicis, ut Graeciam redigeret in suam potestatem, classem quingentarum navium comparavit eique Datim praefecit et Artaphernem, hisque ducenta peditum, decem milia equitum dedit, causam intersens, se hostem esse Atheniensibus, quod eorum auxilio Iones Sardis expugnssent suaque praesidia interfecissent. Illi praefecti regii, classe ad Euboeam appulsa, celeriter Eretriam ceperunt omnesque eius gentis cives abreptos in Asiam ad regem miserunt. Inde ad Atticam accesserunt ac suas copias in campum Marathona deduxerunt. Id est ab oppido circiter milia passuum decem. Hoc tumultu Athenienses tam propinquo tam que magno permoti, auxilium nusquam nisi a Lacedaemoniis petiverunt, Phidippumque, cursorem eius generis, qui hemerodromoe vocantur, Lacedaemonem miserunt, ut nuntiaret, quamcelerrimo opus esset auxilio. Domi autem creant decem praetores, qui exercitui praeessent, in eis Miltiadem. Inter quos magno fuit contentio, utrum moenibus se defenderent, an obviam irent hostibus acieque decernerent. Unus Miltiades maxime nitebatur, ut primo quoque tempore castra fierent: id factum esset, et civibus omnium accessurum, cum viderent de eorum virtute non desperari, et hostes eadem se fore tardiores, si animadverterent auderi adversus se tam exiguis copiis dimicari. Poi Dario, essendo tornato in Asia dall'Europa, esortando gli alleati a ridurre la Grecia in suo potere, allestì una flotta di cinquecento navi e mise a capo di essa Dati e Artaferne, e a costoro diede duecentomila fanti e diecimila cavalieri, adducendo il pretesto che fosse nemico agli Ateniesi perché gli Ioni avevano espugnato Sardi e avevano massacrato le sue gu