De Bello Gallico, Libro 6, Capitolo 13: traduzione

Appunto inviato da xslashx
/5

Traduzione del Libro 6, Capitolo 13, del De bello Gallico di Cesare (1 pagine formato doc)

DE BELLO GALLICO LIBRO 6, CAPITOLO 13: TRADUZIONE

Giulio Cesare.

I Galli (De bello Gallico, libro VI, cap 13). In tutta la Gallia ci sono due generi di quegli uomini che sono in qualche considerazione ed onore. Infatti la plebe è tenuta in considerazione quasi di schiavi, la quale non osa niente per se, non è consultata in nessuna iniziativa.
I più quando sono indebitati o dal peso delle tasse o dalla ingiuria dei più potenti, si dichiarano in schiavitù ai nobili, verso i quali sono tutti gli stessi diritti che sono tra noi e i servi ai padroni. Ma intorno a queste due origini una è dei druidi, l’altra e dei cavallieri. Quelli si trovano tra le cose divine, si prendono cura dei sacrifici pubblici e privati, interpretano le religioni; verso essi accorre un grande numero di adolescentiper apprendere e questi sono presso di loro in grande stima.

De Bello Gallico, Libro 6: testo e traduzione