De bello gallico VI, 13

Appunto inviato da
/5

Traduzione del "De Bello Gallico" VI, 13.(formato word pg 1) (0 pagine formato doc)

De bello gallico VI,13 De bello gallico VI,13 In tutta la Gallia due sono le classi di coloro che sono tenuti in qualche conto e onore.
Infatti la plebe è considerata quasi schiavitù che non osa prendere nessuna decisione e non è ammessa a nessuna assemblea. La maggior parte quando è oppressa o dai debiti o dalla pesantezza dei tributi o dall'abuso di più potenti, si rende serva: i nobili hanno su di questi gli stessi diritti che hanno i padroni sugli schiavi. Ma di queste due classi una è quella dei Druidi, l'altra dei cavalieri. Quelli si occupano del culto religioso, provvedono a compiere i sacrifici pubblici e privati, interpretano la religione; presso di loro un grande numero di ragazzi accorre per essere istruito e questi hanno grande onore per loro. Infatti decidono per lo più su tutte le discussioni pubbliche e private, e se è stato commesso qualche delitto, se è stata commessa un'uccisione, se c'è controversia sull'eredità e sui confini, sono sempre loro a decidere, decidono i risarcimenti e le ammende.
Se qualche privato o pubblico non si attiene al loro giudizio, interdicono i sacrifici. Questa pena presso di loro è gravissima: così coloro che sono stati interdetti sono considerati empi e scellerati, tutti si allontanano da loro, evitano il loro avvicinamento e i discorsi, per non riceverne qualche danno, e non viene resa giustizia a questi qualora lo chiedano e non è condivisa alcuna carica pubblica. Poi uno è a capo di tutti questi Druidi, che fra di loro ha una grande autorità. Dopo la morte di questo o se qualcuno tra i restanti eccelle per dignità gli succede, o, se sono numerosi alla pari, il Druido è delegato alla votazione; talvolta si contendono il principato con le armi. Questi di sicuro ogni anno si riuniscono nel territorio dei Carnuti, la cui regione è considerata al centro di tutta la Gallia, in un luogo consacrato: giungono qua da ogni parte tutti coloro che hanno controversie, e obbediscono ai loro decreti e alle loro decisioni. La scienza druidica si crede sia nata in Britannia e che da lì sia stata portata in Gallia, e ora quelli più diligenti che vogliono conoscere quella dottrina, generalmente partono di là per imparare.