La dura legge di Giove

Appunto inviato da soter
/5

Traduzione e analisi del brano I, versi 118-146 delle Georgiche di Virgilio. (1 pg - formato word) (0 pagine formato doc)

La dura legge di Giove La dura legge di Giove (Pur avendo uomini e buoi con comune fatica acquisito conoscenza di queste tecniche) Anche se le fatiche degli uomini e dei buoi abbiano sperimentato queste tecniche rivoltando la terra, tuttavia l'oca selvatica e le gru dello Strimone e le cicorie dalle radici amare non procurano alcun danno e anche l'ombra nuoce.
Lo stesso padre (Giove) volle rendere difficile la via del coltivare e per primo fece smuovere i campi per mezzo della tecnica rendendo acuti con le preoccupazioni i cuori mortali (menti degli uomini) ne sopport?e i suoi regni si intorpidissero in un pesante letargo. Prima di Giove nessun coltivatore lavorava i campi e neppure era lecito mettere un confine o dividere il campo con una linea : cercavano i frutti in comune e da se la terra produceva ogni cosa generosamente anche se nessuno lo richiedeva.
Quello aggiunse ai neri serpenti il cattivo veleno rendendoli nocivi, comand? lupi di predare e al mare di agitarsi e fece cadere dalle foglie il miele e sottrasse il fuoco, e arrest? vino che scorreva qua e l?n ruscelli, affinch?l bisogno facesse sorgere (inventare) con la riflessione le varie arti, a poco a poco cercasse con i solchi la pianta del frumento, affinch?facesse sprigionare il fuoco nascosto nelle vene della selce. Allora per la prima volta i fiumi sentirono (le prime imbarcazioni canoe) gli ontani scavati. Allora il navigante cont?nomin? stelle: le Pleiadi, le Iadi e l'orsa spendente figlia di Licaone. Allora si invent?pprese) a catturare le fiere con i lacci e a intrappolare gli uccelli con il vischio e il circondare le vaste vallate con i cani; e mentre gi?no colpisce il profondo fiume con il giacchio, spingendosi verso il fondo, l'altro tira dal mare le bagnate reti; allora la durezza del ferro e la lama della stridula sega (infatti i primi uomini dividevano il legno facile a fendersi con cunei di pietra), allora le varie arti furono inventate. Il lavoro opprimente vinse ogni cosa spingendo la povert?erso le difficolt? noceo, es, nocui, nocitum, nocere. bos, bovis.(plur. g. boum; d. e ab. bobus). labor, laboris. verso, as, avi, atum, versare. experior, experiris, expertus sum, experiri. anser, anseris. improbus, a, um. Strymonius, a, um. grus, gruis. amarus, a, um. intibus, i.(m. f. sing.). intiba, arum.(n.plur.). fibra, ae. officio, officis, offeci, offectum, officere. ipse, a, um. pater, patris. colo, is, colui, cultum, colere. haud: avv. volo, vis volui, velle. facilis, facile. primus, a, um. moveo, es, movi, motum, ere. ars, artis. ager, agri acuo, acuis, acui, acutum, ere. cura, ae. cor, cordis. mortalis, e. veternus, i. torpeo, es, ere. regnum, i. patior, patieris, passum sum, pati. gravis, e. Ippiter, Iovis. ante: avv. nullus, a, um. arvum, i. colonus, i. subigo, is, egi, actum, ere. fas: neutro indeclinabile. campus, i. limes, limitis. signo, as, avi atum, are. partior, partiris, partitus sum, partiri. medius, a, um. quaero, is, quaesivi, quaesitum, quaere. fero, fers