L'età dai Severi a Diocleziano: riassunto

Appunto inviato da vdavid
/5

L'età dai Severi a Diocleziano: descrizione del contesto storico (3 pagine formato doc)

DAI SEVERI A DIOCLEZIANO: RIASSUNTO

L'età dai Severi a Diocleziano (193-305)
1) Severi.
- Settimio Severo: comandante di legioni.

Fonda una monarchia militare ed accentra l’amministrazione nelle sue mani. Si preoccupa di rinsaldare i confini e di livellare tutti i popoli, eliminando i privilegi degli Italici
- Caracalla: nel 212 emana la Constitutio Antoniniana: è concessa la cittadinanza a tutti gli abitanti delle province.
- Elagabalo: sacerdote del dio Sole che vuole imporre a Roma. Trucidato dai pretoriani.
- Alessandro Severo: rivaluta la collaborazione con il Senato.
Introduce il fiscalismo,  la burocratizzazione e la diffusione dell’istruzione elementare. Assassinato.
Anarchia militare (235-285). L’Impero è in balia degli eserciti che si comportano a  loro arbitrio, senza riguardo per la sicurezza dello Stato. Ricordiamo  Massimino il Trace, Gallieno, Aureliano (divinizzazione dell’imperatore = teocrazia).

La tetrarchia di Diocleziano: riassunto

DIOCLEZIANO: RIFORME

Diocleziano (285-305). Proviene dall’Illiria. Riorganizza la burocrazia e il fisco. Introduce la tetrarchia (=governo di 4): divisione dell’Impero in due parti, guidate da 2 Augusti (Occidentale: capitale Milano; orientale: capitale: Nicomedia). Crea anche due Cesari, collaboratori e poi successori
Completa l’opera di teocrazia. Grande persecuzione contro i cristiani.
Il 3° secolo è un’epoca drammatica per:
a) Guerre civili: conseguenze: - decimazione dei ceti dirigenti
    - impoverimento delle regioni invase dagli eserciti in lotta tra loro
   -  indebolimento delle difese.
b) Grossi cambiamenti interni (sociali, istituzionali, religiosi) che rimettono in discussione i cardini dell’ordinamento statale.
Ma l’Impero riesce a oltrepassare questa crisi, che è la più grave, prima della caduta nel 476. Ne uscirà modificato, ma saldo, ben organizzato soprattutto per l’apparato statale.

TETRARCHIA DI DIOCLEZIANO

Alcuni aspetti della crisi:
a)    Tendenze centrifughe e separatiste, che vogliono sostituire le strutture centrali dello stato con amministrazioni autonome e decentrate. Contro questo sfaldamento i Severi reagiscono con :
-  politica di accentramento
- maggiore attenzione ai ceti più poveri e attenzioni ai ricchi perché non prevaricassero i diritti degli humiliores e pagassero le tasse.
b)    Pressione alle frontiere dell’impero da parte di popolazioni germaniche o, in oriente, dei Parti.