L'età dai Severi a Diocleziano

Appunto inviato da vdavid
/5

Descrizione contesto storico, correnti letterarie e maggiori autori (3 pagine formato doc)

L’ETA’ DAI SEVERI A DIOCLEZIANO (193-305)
1) SEVERI
- Settimio Severo: comandante di legioni.
Fonda una monarchia militare ed accentra l’amministrazione nelle sue mani. Si preoccupa di rinsaldare i confini e di livellare tutti i popoli, eliminando i privilegi degli Italici
- Caracalla: nel 212 emana la Constitutio Antoniniana: è concessa la cittadinanza a tutti gli abitanti delle province.
- Elagabalo: sacerdote del dio Sole che vuole imporre a Roma. Trucidato dai pretoriani.
- Alessandro Severo: rivaluta la collaborazione con il Senato. Introduce il fiscalismo,  la burocratizzazione e la diffusione dell’istruzione elementare.
Assassinato


ANARCHIA MILITARE (235-285) 
L’Impero è in balia degli eserciti che si comportano a  loro arbitrio, senza riguardo per la sicurezza dello Stato. Ricordiamo  Massimino il Trace, Gallieno, Aureliano (divinizzazione dell’imperatore = teocrazia).
DIOCLEZIANO (285-305)
Proviene dall’Illiria. Riorganizza la burocrazia e il fisco. Introduce la tetrarchia (=governo di 4): divisione dell’Impero in due parti, guidate da 2 Augusti (Occidentale: capitale Milano; orientale: capitale: Nicomedia). Crea anche due Cesari, collaboratori e poi successori
Completa l’opera di teocrazia. Grande persecuzione contro i cristiani.


Il 3° secolo è un’epoca drammatica per:
a) Guerre civili: conseguenze: - decimazione dei ceti dirigenti
    - impoverimento delle regioni invase dagli eserciti in lotta tra loro
   -  indebolimento delle difese.
b) Grossi cambiamenti interni (sociali, istituzionali, religiosi) che rimettono in discussione i cardini dell’ordinamento statale.