Novella 51 del Satyricon di Petronio

Appunto inviato da caterinaperrotta
/5

Testo e traduzione de "Il vetro infrangibile" Novella 51 del Sayricon di Petronio (1 pagine formato doc)

Novella 51 del Satyricon di Petronio

Il vetro infrangibile

Testo

Fuit tamen faber qui fecit phialam vitream, quae non frangebatur.

Admissus ergo Ceasarem est cum suo munere, deinde fecit reporrigere Caesari et illam in pavimentum proiecit.

Caesar non pote valdius quam expavit.
At ille sustulit phialam de terra; collisa erat tamquam vasum aeneum. Deinde martiolum de sinu protulit et phialam otio belle correxit.

Hoc facto putabat se coleum Iovis tenere, utique postquam illi dixit:"Numquid alius scit hanc condituram vitreorum?"

Vide modo.

Postquam negavit, iussit illum Caesar decollari: quia enim, si scitum esset, aurum pro luto haberemus.

Traduzione

Tuttavia ci fu un fabbro che realizzò una coppa di vetro che non si rompeva.

Dunque fu ammesso alla corte di Cesare con il suo dono, in seguito la fece ammirare a Cesare e la gettò sul pavimento.

Cesare non potè spaventarsi più di quanto non si spaventò.
Ma quello (riferito all'artigiano) sollevò la coppa da terra; (la quale) era ammaccata come un vaso di bronzo. Poi estrasse un martelletto dalla tasca e sistemò ben bene la coppa in tutta tranquillità.