De brevitate vitae 10: commento e analisi

Appunto inviato da giada82
/5

Commento e analisi breve del passo del capitolo 10, 1-2 del De brevitate vitae di Seneca (1 pagine formato doc)

DE BREVITATE VITAE 10: COMMENTO E ANALISI

Seneca, De brevitate vitae, 10, 1-2.

Se volessi suddividere il mio pensiero in sezioni e argomenti, mi verrebbero sottomano molte prove, con cui dimostrare che la vita degli occupati è brevissima.

Fabiano, un filosofo non di questi cattedratici di oggi, ma di quelli veri e antichi, soleva dire che contro le passioni si deve lottare con impeto, non con sottigliezza, e volgere in fuga il loro schieramento non con minuscole ferite, ma con un attacco frontale;si deve, infatti,colpire con forza, non punzecchiare. Tuttavia, per rinfacciare a quegli occupati il loro errore, occorre ammaestrarli, non solo darli perduti.

De brevitate vitae capitolo 8: traduzione

DE BREVITATE VITAE 10 ANALISI

Nel De brevitate vitae di Seneca la vita si divide in tre parti: ciò che è stato, ciò che è e ciò che sarà.

Di queste quella che stiamo vivendo è breve, quella che vivremo è dubbia, quella che abbiamo vissuto è certa; questa è infatti la parte sulla quale la fortuna ha perso ogni diritto, che non può essere ridotta in potere di nessuno.E’ questa che perdono gli uomini occupati;essi non hanno tempo per volgersi indietro al passato, e, se anche l’avessero, è sempre sgradevole ricordare una cosa di cui si ha rimorso.