Il valore del passato: analisi

Appunto inviato da jgiagi
/5

Il valore del passato: analisi e parafrasi del testo del libro 10 del De brevitate vitae di Seneca (2 pagine formato doc)

IL VALORE DEL PASSATO ANALISI

Seneca.

Brano "Il valore del passato". La vita è divisa in tre tempi: ciò che fu, ciò che è ciò che sarà: tra questi, quello che facciamo è breve, ciò che faremo è incerto, ciò che abbiamo fatto è certo. Questo è infatti l’unica cosa nella quale la fortuna ha perso il suo diritto, che non può essee ricondotto sotto l’arbitrio di nessuno. Ma questo perdono gli occupati, né infatti a loro è la possibilità di guardare le cose passate, e si fosse data, spiacevole è infatti il ricordo di una cosa spiacevole da ricordare.
Malvolentieri infatti richiamano l’animo alle al tempo impiegato male né osano ricordare quelle cose i cui vizi, anche se prima esano celate da una certa attrattiva del piacere presente, riesaminandole emergono: nessuno, se non colui al quale tutte le cose sotto sottoposte alla sua censura , che giammai si sbaglia; colui invece che desiderò molto ambiziosamente, disprezzò superbamente, vinse prepotentementre, ingannò perfidamente, dissipò con prodigalità è necessario che tema la sua memoria.

De brevitate vitae 10: commento e analisi

IL VALORE DEL PASSATO DE BREVITATE VITAE 10 2 5

Dunque questa è la parte del npstro tempo sacra et inviolata posta al di là di tutte le vicende umane sottratta al dominio della fortuna, che non possono turbare non la povertà, non la paura non l’attacco delle malattie, questa non può essere né modificata né abolita. eterno è infatti e perenne il suo possesso. I singoli giorni, e questi attraverso i singoli istanti sono presenti invece tutti i giorni del tempo passato quando avrai comandato, si avvicineranno si lasceranno guardare e trattenere: cosa che non riesce di fare agli occupati.

De brevitate vitae capitolo 8: traduzione

DE BREVITATE VITAE 10 ANALISI

Parola chiave : recordatio-------rimembranza di Leopardi
Verbo chiave: ago compiere qualcosa da soggetti senza subirla passivamente
Sintassi: tripartizione anaforica, in asindeto e poliptoto del verbo sum
Ex his: complemento partitivo
Acturi sumus – perifrastica passiva
Quod. Anafora
Dubium// certum –antitesi
In …potest- linguaggio giuridico
Vacat è usato impersonalmente
Si vacet protasi del periodo ipotetico possibilità
Iniucuda… apodosi della realtà
Penitendae rei gerundivo
Aliquo lenocinio ablativo di causa efficiente
Retractando ablativo strumentale
Quoi forma arcaica per cui dativo d’agente
Ille------timeat: Seneca tratteggia per asindeto delle situazioni in cui l’occupato fa le cose freneticamente rendendo la cosa con un verbo e subito l’avverio, un tipico esempio della sintassi frantumata e sintetica
Quam exagitet—proposizione relativa con lalore consecutivo
Turbari ed eripi infiniti passivi retti da potest
Cum usseri temporale con futuro anteriore