I verbi deponenti e i semideponenti

Appunto inviato da paolonoci
/5

Regola dei verbi deponenti e semideponenti in Latino. Regole e particolarità (2 pagine formato doc)

I deponenti e i semideponenti I deponenti e i semideponenti I verbi deponenti hanno forma passiva e significato attivo.
Es. paradigma hortor, hortaris, hortatus sum, hortari. L'infinito presente e perfetto dei verbi deponenti ha forma passiva e significato attivo; mentre l'infinito futuro ha for.att e sign.att. L'ablativo di origine o provenienza : Con l'ablativo semplice quando c'è l'indicazione della famiglia,della condizione sociale o dei nomi propri o comuni dei genitori (proviene dalla famiglia Agrippa; da una nobile famiglia; da Marco Agrippa) Con e\ex o a\ab + ablativo con i pronomi, i nomi comuni, o per designare origine remota o figurata (da questa donna, da un alto monte, dai Germani, dalla cupidigia) Il participio presente dei verbi deponenti ha forma attiva e significato attivo(lodando, che loda) Il participio futuro dei verbi deponenti ha forma attiva e significato attivo(stare per lodare, accingersi a lodare) Il participio perfetto dei verbi deponenti ha forma passiva e significato attivo(avendo lodato o essendo andato, che è lodato) I verbi semideponenti hanno forma attiva nei tempi derivati da tema del presente e forma passiva per i tempi derivati dal tema del perfetto. Sono solo sei: audeo, es, ausus sum, audere = osare, avere coraggio gaudeo, es, gavisus sum, gaudere = essere felice, godere Eccezione: revertor, eris,| erti, ere soleo, es, solitus sum, solere = essere solito, avere l'abitudine di Tema presente forma| Tema perf.
forma fido, is, fisus sum, fidere = fidarsi passiva sign. attivo. | e sign. attivo. confido, is, confisus sum, confidere = confidare, aver fiducia diffido, is, diffisus sum, diffidere = diffidare, non aver fiducia Dei verbi semideponenti (o anche di alcuni verbi deponenti) il participio perfetto ha rapporto di contemporaneità dunque con valore di participio presente. Es. gavisus, a, um= osando, che osa Il part. futuro invece è usato normalmente. E' detto participio congiunto il part. presente o perfetto(vale il part. perf. per i verbi DIT||TA) che concorda in numero, genere e caso con un termine(sostantivo, pronome ecc.)dell'enunciato e che, in funzione verbale, corrisponde a una proposizione subordinata implicita. Il participio congiunto può pertanto equivalere a : una proposizione subordinata temporale: Consul strenue pugnans cecidit=Il console morì mentre combatteva valor. una proposizione subordinata causale: Consul studentem ….= Il console poiché stava organizzando ….. una proposizione subordinata concessiva: Consul non videns …=Il console pur non vedendo… una protasi di un periodo ipotetico:………………………… Ablativo assoluto con i verbi deponenti L'ablativo assoluto può essere anche formato dal participio (pres. o perf.) di un verbo deponente. Eventuali espansioni del sostantivo Sostantivo(in ablativo) participio(pres. o perf. in ablativo) Ricorda: Non si usa mai l'ablativo assoluto con identità di soggetto,