Riassunto del libro Un anno sull'Altipiano di Emilio Lussu

Appunto inviato da misscheriee
/5

Appunti universitari e riassunto del libro "Un anno sull'altipiano" di Emilio Lussu (6 pagine formato doc)

UN ANNO SULL'ALTIPIANO: RIASSUNTO

Un anno sull’AltipianoEmilio Lussu
TITOLO: Un anno sull’Altipiano (di Asiago) -> det.

Di tempo e di luogo.
Precedentemente Emilio Lussu aveva pensato al titolo “I miei generali” ma il libro sarebbe stato troppo incentrato sulla tematica dell’ incompetenza dei generali e non era l’unica tematica su cui voleva soffermarsi ,poi a “FERITORIA N^14” -> ma sarebbe risultato poco chiaro.
 Nel mondo anglosassone il libro è conosciuto sotto il nome di “SARDINIA BRIGATE”

TEMPO: L’autore esegue un ritaglio temporale che inizia nel maggio ’16 e termina nel luglio ’17 ossia inizia in un lasso di tempo in cui la guerra è in corso (già iniziata e finisce quando è ancora in corso.)
 Questo perché l’autore vuole dare l’impressione che un gg durasse un anno e un anno un’eternità.

Un anno sull'Altipiano di Emilio Lussu: scheda libro

UN ANNO SULL'ALTIPIANO: RIASSUNTO E ANALISI

GENERE: Non è un romanzo; Lusso punta all’epico velato di tragedia. E’ un ibrido tra memoriale e narrativa.


Non può essere considerato un memoriale perché i dialoghi (che occupano 1/3 del libro) sono stati ri-costruiti. L’autore non può ricordarsi esattamente i dialoghi a distanza di 20 anni ma solo il loro contenuto.
TEMI: I temi costanti sono: L’alcool, l’incompetenza degli ufficiali e la loro follia. E un libro asciutto, ossia provo di commenti personali. Certe situazioni tragiche infatti non lasciano spazio a commenti. (In questo Lusso si oppone alla direzione italiana)
CONTENUTI: E’ UN “LIBRO DI RICORDI PERSONALI DI GUERRA VISSUTA”     L’autore racconta quello che ha vissuto e quello che pensava ai tempi. (Si distacca quindi dal pensiero “attuale” (ossia di quando scrive il libro, negli anni 30) che in parte è differente) Lascia in ombra ciò che avveniva dentro di lui, lascia parlare i fatti, le situazioni. Libro è diventato celebre come denuncia degli orrori della guerra.
Il libro non può considerarsi “pacifista” (anche perché andrebbe in contraddizione con l’altro libro-scalpore che pubblicò Lussu ossia “Teoria dell’insurrezione”)
STRUTTURA: è un libro costruito su TONI ALTERATI: Sollievo, ironia, vitalità, tragedia ( al fine di non stancare il lettore: molti libri sono mono-tono)
LINGUAGGIO: è scritto in Italiano ma in realtà la brigata di Sassari parlava in Sardo
L’epigrafe è di BAUDELAIRE (poesia)
FERITORIA N.14, individuata dagli austriaci; IMPORTANTE
Spesso i soldati consumavano cioccolato. La PGM è stata l’occasione per sperimentare nuove armi (es: corazze) è molto differente dalle guerre del passato e molto lontana dagli ideali cavallereschi, in una guerra del genere infatti era impossibile l’esaltazione del singolo individuo, nessuno poteva esaltare la sua figura.
Spesso l’esercito opposto chiedeva pietà al massacro. I soldati spesso per paura si uccidevano prima di rimanere mutilato dopo l’attacco.

UN ANNO SULL'ALTIPIANO: RIASSUNTO PER CAPITOLI

CAPITOLI:
1-6 -> senza generale Leoni
1^CAPITOLO: Inizio maggio 1916, brigata del Carso. Notizia di riposo per alcuni mesi nelle retrovie. Il sindaco (di Aiello) tiene un discorso per gli ufficiali.
2^CAPITOLO: La guerra in montagna veniva vista come una condizione privilegiata