Fedra di Racine: analisi e riassunto

Appunto inviato da maryterrie
/5

Fedra di Racine: analisi e riassunto breve della tragedia (4 pagine formato docx)

FEDRA RACINE

Fedra- Racine.

Fedra (titolo originale francese Phédre) è una tragedia teatrale scritta in cinque atti dallo scrittore Jean Racine nel 1677. E’ un’opera che si rifà ai classici ellenici e latini di Euripide e Seneca, ma il mito è rivisto sotto una nuova morale e una diversa religione: il Cristianesimo, religione monoteista.

Euripide ne fu il primo autore e di ben due versioni: la prima intitolata l'Ippolito velato, dove il giovane principe viene punito dalla dea dell’amore Afrodite per averla respinta; e la seconda nella quale il prologo fa da epilogo, ovvero Fedra in una lettera scritta prima di togliersi la vita dichiara di essere stata violentata da Ippolito, che è poi punito dal padre con l'esilio. E’ importante sapere che il fatto che nei classici è direttamente Fedra l'accusatrice del giovane, un'accusa infamante che parla di uno stupro vero e proprio, mentre nell’opera di Racine è la nutrice Enone a inventare la calunnia accusando Ippolito solo di una tentata violenza carnale.

Tutto sul teatro

FEDRA RACINE ANALISI

Ovviamente ai tempi di Racine non si può macchiare un'aristocratica, una regnante, di una siffatta bassezza perché l’aristocrazia era il simbolo della virtù, del coraggio e una menzogna o in generale una vigliaccheria può esser commessa solo da una serva.
Bisogna inoltre sapere che per l'autore francese la protagonista non è né del tutto colpevole né del tutto innocente, come del resto la nutrice Enone non è malvagia ma soltanto troppo devota alla padrona.

Tutto questo viene tradotto come un tipico messaggio giansenista ovvero l'impossibilità di operare il bene, intenzione che al contrario finisce col tramutarsi in male.

Fedra di Racine: riassunto breve in francese

FEDRA RACINE PERSONAGGI

Scheda dei personaggi:
- Teseo, ateniese puro e marito di Fedra, re di Trezene, eroe impavido e donnaiolo;
- Ippolito, figlio naturale di Teseo avuto da un'amazzone;
- Fedra, figlia di Pasifae e Minosse, regnanti di Creta(e quindi non ateniese) rampolla di una stirpe maledetta (infatti, Pasifae madre di Fedra, si accoppiò con un toro concependo il Minotauro, ucciso poi da Teseo con l'aiuto di Arianna, sorella maggiore di Fedre, nel celebre mito “il filo di Arianna”);

Fedra di Racine: riassunto e commento

FEDRA RACINE RIASSUNTO BREVE

- Enone, la nutrice, colei che fabbricherà l'accusa di violenza contro l’innocente Ippolito;
- Aricia, nipote di Teseo (ateniese dalla nascita e prigioniera dello zio per mano di Teseo che le impedisce di procreare per non continuare la razza Pallantide, sua nemica), personaggio introdotto nella storia da Racine per mostrare il lato umano di Ippolito che invece nelle precedenti versioni classiche viene descritto come insensibile alle donne;
- Teramene, mentore di Ippolito;
- Panope, serva di Fedra.