Eschilo, Sofocle ed Euripide

Appunto inviato da angelicadinamo
/5

Descrizione, analogie e differenze tra i tre tragediografi (7 pagine formato docx)

Eschilo
Prima di Eschilo nasce Chierico, che prosegue la tradizione tragica, rappresentando 160 tragedie e conseguendo 13 vittorie.
Questo numero eccessivo di tragedie sta ad attestare che ormai la tragedia era stata canonizzata, quindi era entrata a pieno nella cultura ateniese.
Un altro autore, Frinico, che ottenne un premio tra il 511 e il 508 sembra che sia stato il primo ad introdurre delle figure femminili nelle rappresentazioni. Le sue tragedie erano soprattutto di carattere storico. Nella "Fenice", messa in scena nel 476 viene celebrata la vittoria di Salamina sui persiani. Il corego era Temistocle, l'eroe che aveva vinto a Salamina. Questa tragedia verrà ripresa da Eschilo nei Persiani. Di Frinico ci sono giunti altri pochi frammenti.  Pratina di Friunte è stato il primo a comporre drammi satireschi o comunque a introdurli nei concorsi dionisiaci.

VITA, OPERE E STILE DI ESCHILO (Clicca qui >>)


Eschilo nasce nel 526 a.C. a Eleusi presso Atene da una famiglia aristocratica. Inizia l'attività di poeta tragico e vince per la prima volta un agone poetico nel 484 a.C.  Partecipa alle guerre persiane combattendo nell'esiercito cittadino a Maratona e poi a Salamina. Dopo aver composto i Persiani  Eschilo starà alla corte di Gerone, poi torna in patria e dopo la composizione dell'Orestea va in Sicilia dove muore nel 456 a.C. Sulla sua tomba vi è un epigramma scritto da lui stesso.

VITA E OPERE DI SOFOCLE (Clicca qui >>)

 Il suo merito fu quello di aver adottato subito delle innovazioni. Egli aumentò il numero di attori da uno a due, rendendo molto più animato il dibattito in senso democratico. Egli ottenne 13 vittorie negli agoni teatrali. Il lessico SUDA gli attribuisce 90 drammi. Ne sopravvivono 7: PERSIANI, SETTE CONTRO TEBE, SUPPLICI, PROMETEO INCATENATO e ORESTEA che si divide in AGAMENNONE, COEFORE, EUMENIDI.