La poesia prima di Omero: l'epica

Appunto inviato da caterinaperrotta
/5

Note di letteratura greca sulla poesia antecedente il ritrovamento dell'Iliade e dell'Odissea (3 pagine formato doc)

I primi testi scritti della letteratura greca sono l'Iliade e l'Odissea, ma le loro caratteristiche contenutistiche e formali mostrano che entrambi i poemi sono il risultato di una gestazione poetica e di una tradizione culturale che affondano le radici nel mondo miceneo. D'altra parte lo stesso esametro, verso dell'epos greco, è molto elaborato e soggetto a precise leggi di versificazione che fanno supporre una lunga storia precedente.

Prima dell'VIII secolo i poemi epici non furono fissati per iscritto ma la loro composizione e trasmissione era orale, affidata alla viva voce di un aedo che recitava in pubblico le gesta degli eroi.
In entrambi i poemi si parla della fama degli eroi nel canto, ma se ne parla in modo diverso: nell'Iliade non è presente la figura dell'aedo, ma quella dell'eroe come cantore che accompagna l'esercito sul campo; nell'Odissea abbiamo cantori di professione come Demòdoco alla corte dei Feaci e Femio a Itaca, nel palazzo di Odisseo.
L'Iliade ci farebbe conoscere una fase più antica, in cui gli eroi stessi cantavano e dimostra come il poema stesso abbia conoscenza del potere del canto (questo è testimoniato nel passo in cui Elena lamenta che Paride e lei diverrano materia di canto per i posteri).

Molte informazioni sulla posizione dell'aedo e sul modo della recitazione ci sono offerte dall'Odissea. Eumeo definisce l'aedo un <<lavoratore nel popolo>> (dhmioergos) e spesso poteva anche legarsi alla corte principesca e ,conseguenzialmente, acquistarsi una notevole considerazione. Inoltre il cantore cieco, il cui nome indica che egli è affidato alla comunità, è condotto da un araldo; spesso il cantore doveva essere cieco nella realtà: anche Omero era rappresentato cieco e con questo senso ( o mh orwn ) era falsamente interpretato il suo nome.