Il Boccaccio

Appunto inviato da cecy69
/5

Vita e opere di Boccaccio (3 pagine formato doc)

BOCCACCIO BOCCACCIO La vita Nasce nel luglio 1313 a Certaldo a Firenze da Beccaccino di Chelino, figlio illegittimo.
Il padre lo fa studiare a Firenze dove apprende il culto di Dante al quale resterà fedele tutta la vita. Muore il 21 dicembre 1375. Lo sperimentalismo napoletano Le opere giovanili di Boccaccio sono destinate al pubblico cortese della reggia di Roberto d'Angiò e rivolte alla costituzione di un mito letterario in cui l'elemento autobiografico e erotico è idealizzato e trasfigurato. La presenza delle donne non è solo un elemento realistico di cui l'autore deve tener conto; rientra anche in una mitologia personale, che traspone dati di vicende d'amore autobiografiche in scenari fantastici mutuati dal mondo cavalleresco e dai romanzi francesi cortesi o classici. Sul piano letterario caratterizza questa produzione lo sperimentalismo, cioè la tendenza a sperimentare generi letterari diversi alternando prosa e versi.
Si passa dal poemetto mondano-mitologico(Caccia di Diana)al poema epico(Teseida)dal poema narrativo rivolto a un pubblico più ampio e più popolare secondo la nascente tradizione dei cantari(Filostrato)al romanzo d'avventura e d'amore secondo la tradizione cortese proveniente dalla Francia (Filocolo) e alle Rime d'ispirazione stilnovistica ma con inserti giocosi. Lo sperimentalismo coinvolge contemporaneamente anche la metrica: terzine nella Caccia di Diana, le ottave nel Teseida e nel Filostrato e la prosa nel Filocolo. Lo stesso sperimentalismo si ritrova nella materia: dagli argomenti classici usati nel Teseida e nel Filostrato a quelli tipici del romanzo cortese d'amore e di avventure impiegati nel Filocolo e alla cronaca mondana che caratterizza la Caccia di Diana e li mescola tra loro. E' la tendenza al mescolato alla commistione e alla mescolanza di motivi, di situazioni e di stili diversi che caratterizza tutta l'opera Boccaccesca. Essa può essere spiegata con la voracità di autodidatta. L'opera di Boccaccio è una summa tardogotica, un riepilogo variegato degli argomenti e delle soluzioni formali del mondo gotico e frutto di una fantasia accesa, alla ricerca di una sintesi originale. La Caccia di Diana, poemetto in terza rima, in 18 canti ,doveva riferirsi alla perduta epistola in forma di sirventese con cui Dante aveva raccolto le 60 più belle donne fiorentine: le belle napoletane partecipano a una caccia in onore di Diana. Le prede vanno consacrate alla dea della caccia e della castità così invocano l'aiuto di Venere grazie alla quale gli animali diventano i loro amati. Presenta il rovesciamento del mito di Circe. Il Filostrato rispetto al Teseida, anch'esso in ottava ha un andamento più popolareggiante in quanto il secondo doveva fondare l'epica di stile tragico in Italia. Il Filostrato si ispira al Roman de Troie, e alla sua traduzione di Guido delle Colonne. La tematica amorosa supera quella guerresca. Troiolo si innamora di una donna greca prigioniera, Criseida e riesce ad ottenerne l'amore. Ma tornata al campo