Giovanni Pascoli

Appunto inviato da wolverine03
/5

La vita, la poetica, il linguaggio (3 pagine formato doc)

GIOVANNI PASCOLI GIOVANNI PASCOLI (1855-1912) LA VITANasce a S.Mauro di Romagna nel 1955.
Nel '62 entra nel collegio dei padri Scolopi a Urbino, dove rimane fino al '71. E' il quarto di otto fratelli e il padre è l'amministratore della tenuta “La Torre” dei principi Torlonia. Nel '67 accade l'episodio che segna indelebilmente la sensibilità del piccolo Pascoli: viene assassinato il padre da ignoti, mentre ritorna a casa . Non si seppe mai chi fu l'assassino, ma il Pascoli crede di individuarlo nell'amministratore che successe a suo padre nell'amministrazione della tenuta dei Torlonia e nella sua poesia lo rappresenta come il “cuculo”, uccello che non si crea il suo nido, ma che occupa quello degli altri. L'anno seguente muore una sorella, poi, di seguito, la madre e due fratelli.
La morte della madre viene considerata dal Pascoli la tragedia maggiore, perché viene meno il nucleo familiare, il “nido”. D'ora in poi il suo proposito sarà sempre di riformare il nido originario. Questa precoce esperienza di dolore e di morte sconvolge profondamente l'anima del Pascoli; rimane una ferita non chiusa, che si traduce in un senso sgomento del destino tragico e inesplicabile dell'uomo, e segna il crollo di un mondo d'innocenza e di infanzia serena a cui sempre il poeta aspirerà con immutata nostalgia. Nel '73 il Pascoli vince una borsa di studio all'università di Bologna, dove si iscrive alla facoltà di lettere. Il periodo bolognese lo mette in contatto con il movimento anarchico e si avvicina così agli ideali socialisti. Aderisce all' Internazionale e inizia a frequentare Andrea Costa, capo dell'anarchismo romagnolo. Nel '79, in seguito a dimostrazioni connesse all' attentato dell'anarchico Passannante contro il re Umberto I, subisce alcuni mesi di carcere preventivo; quando vi esce riprende gli studi e da questo momento in poi non si occuperà più di politica, essendone rimasto evidentemente spaventato. Non è più un ribelle, ma un uomo che china il capo davanti all'oscuro destino. L'unico rimedio al male gli appare ora la pietà e l'amore fraterno fra gli uomini, solo conforto al mistero insondabile della vita. Nello stesso tempo, nasce in lui l'ideale di ricostruire il proprio focolare domestico, con le due sorelle superstiti, Ida e Maria, di ritrovare così nella quiete appartata e nell'intimità degli affetti la pace. Laureatosi nell'82, ottiene una cattedra presso il liceo di Matera, Massa e Livorno. Nel frattempo, per più anni, partecipa a concorsi di poesia latina ad Amsterdam, vincendoli. Lo troviamo presso varie università: a Bologna, dove inizialmente insegna latino e greco, a Messina ed infine, nel 1906, succede al Carducci nella cattedra di letteratura italiana all'università di Bologna, dove muore nel 1912. Viene sepolto a Castelvecchio, in una casa di campagna che dal '95 era stata il suo rifugio più caro insieme alle sorelle.LA POETICAIl carattere dominante della poesia del Pascoli è costituito dall'evasione