Odi e sonetti di Ugo Foscolo: riassunto

Appunto inviato da boba4182
/5

Breve riassunto di letteratura su Ugo Foscolo: le odi e i sonetti del poeta e letterato italiano del neoclassicismo (1 pagine formato txt)

ODI E SONETTI DI UGO FOSCOLO: RIASSUNTO

Le poesie giovanili.

Le poesie. Foscolo si occupò negli anni della sua formazione di numerosi componimenti di vario metro, sui quali influivano le tendenze di gusto e di tematiche del tempo. Tra tutte queste poesie egli fece una rigorosa selezione, decidendo di pubblicare solo due odi e dodici sonetti nell'opera Le poesie (1803).

Le principali opere di Ugo Foscolo: riassunto

LE ODI DI FOSCOLO

LE ODI. Le due odi, intitolate A Luigia Pallavicini caduta da cavallo e All'amica risanata, risalgono allo stesso periodo de Le ultime lettere di Jacopo Ortis, ma rappresentano tendenze opposte.


ODI (NEOCLASSICISMO) JACOPO ORTIS (ROMANTICISMO)
Infatti, il romanzo si trova particolarmente vicino alle tendenze romantiche, con la figura dell'eroe sventurato, il ricorrere del tema della morte e sopratutto con la forte presenza della passionalità e del soggettivismo esasperati, mentre le odi si avvicinano alle tendenze neoclassiche, in quanto esse si concentrano sul vagheggiamento della bellezza femminile, trasfigurata nelle immagini di dee greche, e su rimandi mitologici. Il lessico è aulico e la struttura sintattica ricorda il periodare classico.
ODE A LUIGIA PALLAVICINI ODE ALL'AMICA RISANATA
Possiamo però evidenziare delle differenze anche tra le stesse odi; infatti, l'ode a Luigia Pallavicini si presenta come un omaggio galante e settecentesco alla bella donna, mentre l'ode all'amica risanata ha il carattere di un discorso filosofico sulla bellezza ideale, sul suo effetto purificante e rasserenante, e sulla funzione esternatrice della poesia che canta di questo tema.
NEOCLASSICISMO FOSCOLO NEOCLASSICISMO MONTI/ARCADIA
Il neoclassicismo di Foscolo è quindi diverso da quello arcadico e montiano, in quanto quest'ultimo si presentava puramente esteriore e esornativo; il culto di Foscolo nei confronti della bellezza esprime invece un'esigenza autentica e profonda, che nasce da un rapporto problematico verso la situazione storica tormentata e violento che lo spinge a cercare un valore superiore, immutabile, di cui la letteratura si fa portatrice.

I SONETTI DI UGO FOSCOLO

I SONETTI. Per quanto riguarda i sonetti, possiamo dire che essi si avvicinano maggiormente alla materia autobiografica e alla passionalità de Le ultime lettere di Jacopo Ortis. La maggior parte di essi è infatti caratterizzata da un forte impulso soggettivo, sebbene si possano notare le reminescenze di altri poeti, in particolare di Petrarca e poeti latini.
ALLA SERA - A ZACINTO - LA MORTE DEL FRATELLO GIOVANNI
Tra questi componimenti spiccano tre sonetti che si caratterizzano per innovazioni nella struttura sintattica e nel metro, nelle immagini, nel timbro e nel ritmo del verso; questi sono Alla sera, A Zacinto e La morte del fratello Giovanni.
TEMI SONETTI = TEMI ORTIS
In essi vengono anche ripresi i temi centrali dell'Ortis: la presenza di un eroe sventurato, il conflitto con il presente, la morte (il nulla eterno) come unica soluzione, l'impossibilità di trovare un rifugio e il valore esternatore della poesia.
Si confermano nuovamente sia il motivo nichilistico dell'Ortis, ma anche la ricerca di valori positivi, già in atto nel romanzo; questa linea di meditazione poetica troverà il suo culmine nei Sepolcri.