Zephiro torna, e’l bel tempo rimena

Appunto inviato da ghio101
/5

Analisi del sonetto (1 pagine formato doc)

I prati brillano di colore e il cielo si rasserena; Giove è felice di guardare sua figlia; ancora descrizioni di serenità, qui Zephiro torna, e'l bel tempo rimena è uno dei sonetti del Canzoniere del Petrarca, facente parte del gruppo di sonetti posteriori alla morte di Laura.
Dando uno sguardo generale alla metrica troviamo un sistema di rime ABAB ABAB CDC DC; un elevato numero di pause, che dona alla poesia un ritmo lento, più malinconico, che permette ancora di più di creare le atmosfere che la lirica propone, dando il tempo al lettore di immaginare la scena; inoltre troviamo anche la presenza di tre enjambemant nelle terzine. Passiamo ora ad un analisi e parafrasi del testo.
Ritorna Ponente e riporta la bella stagione; questo primo verso ha un valore introduttivo - presentativo, ci mostra lo scenario generale, la primavera, usando due caratteristiche tipiche della stagione come il bel tempo e il vento Zefiro. E i fiori e l'erba sua piacevole compagnia e lo stridere della rondine e il canto lamentevole dell'usignolo, e riporta la primavera bianca e rossa. Comincia la descrizione dolce del periodo, con i suoi colori e suoni, immagini gioiose; notasi però l'uso dei due nomi per riferirsi agli uccelli, essi sono nomi di due donne punite e trasformate dagli dei, un motivo che possiamo dare a tale scelta è inserire un po' negativo, sdrammatizzare il troppo gioioso, in conseguenza allo svilupparsi della poesia. I prati brillano di colore e il cielo si rasserena; Giove è felice di guardare sua figlia; ancora descrizioni di serenità, qui il riferimento di Giove si può ricondurre molto probabilmente alla figlia Venere, dea della bellezza e dell'amore, padroneggiante in primavera, dove tutto e soave e fiorisce l'amore. Vi possono essere anche altri riferimenti, come all'avvicinarsi dei pianeti denominati con i nomi degli dei in questione, in questo periodo dell'anno; o ancora sempre un altro riferimento mitologico: il ritorno di Prosperina, anch'essa tornata in questo periodo dell'anno. Per quanto segue e per quello a cui vuole arrivare il poeta, ritengo più probabile la prima ipotesi. L'aria e l'acqua e la terra sono piene d'amore; ogni essere animato prende nuovamente la decisione di amare; ennesimi riferimenti al ritorno dell'amore, denotando la primavera stagione degli accoppiamenti. Ma per me, misero, tornano i più dolorosi sospiri, che estrae dal profondo del mio cuore colei che portò le chiavi di esso in cielo, e il cantar d uccellini, e il fiorir dei prati, e gesti delicati in donne belle e nobili sono per me un deserto, e belve feroci e selvagge. In queste terzine cominciamo a vedere le caratteristiche predominanti nel Canzoniere: Petrarca è triste e malinconico, in questo momento dell'anno come già detto torna l'amore, tutto intorno è sereno giocondo e amorevole, e lui non può partecipare a questo, è rimasto solo, e in questo periodo dell'anno dove anche è stato privato del suo amore, gli torna in mente il passato. Contestualizzando queste st