Un'arte che scompone il reale: riassunto

Appunto inviato da catemagge
/5

descrizione dell'umorismo di Luigi Pirandello. Riassunto e analisi di "Un'arte che scompone il reale" (1 pagine formato rtf)

UN'ARTE CHE SCOMPONE IL REALE RIASSUNTO - “Un'arte che scompone il reale".

È questo un brano teorico utile per capire la poetica di Pirandello e la narrativa novecentesca.
Il problema è individuare quali siano i nuovi compiti dell’arte.
L’arte in modo scomposto e disorganico non può essere costruttiva, ma può essere solo un’arte che disintegra i fittizi edifici delle costruzioni razionali. L’arte non può che fotografare la realtà disintegrata e presentarsi essa stessa come frantumata e disintegrata, priva di coerenza e di unicità di significato, con particolari che non hanno senso.
L’arte è lo specchio della realtà, ma ormai la realtà è frantumata e quindi:
1.    può solo fotografare la realtà
2.    è anch’essa frantumata.

Leggi anche Riassunto su Pirandello

UN'ARTE CHE SCOMPONE IL REALE PIRANDELLO RIASSUNTO - Dopo ave trattato della produzione letteraria tradizionale, Pirandello afferma che la riflessione propria di quest’ultima non accade più e che la poesia moderna assume una speciale attività, ciò è importante perché l’arte non può che essere cerebrale (fantasia e intuizione creatrice non hanno senso). L’arte può giocare solo con la riflessione, ma con un gioco diverso: il lettore deve riflettere e usare la ragione, ma non per costruire, ma per smontare, deve riflettere sull’inconsistenza della ragione.

Leggi anche Pirandello: novelliere e commediografo

UN'ARTE CHE SCOMPONE IL REALE SINTESI - La riflessione deve smontare luoghi comuni e mettere il lettore di fronte al nulla della vita. Il lettore deve usare la ragione contro se stessa, per dimostrarne l’utilità e alla fine deve avere una sensazione di vuoto. Da questa operazione di smontaggio deve nascere il sentimento di assenza dalla vita, e cioè il “sentimento del contrario”.
Pirandello passa poi alla figura della vecchia signora, la quale è metafora della realtà, del mondo e di noi stessi, perché anche noi crediamo di costruire la realtà, ma costruiamo solo delle maschere e siamo noi stessi maschere.
Di fronte a questa donna si ha una prima reazione immediata a cui rispondiamo con una risata goffa, ed è questa l’arte comica; poi, con la riflessione si capisce che questa condizione di vita è penosa: questo è il sentimento del contrario che deriva dalla percezione del proprio nulla, questa è l’arte umoristica.

Leggi anche L'umorismo di Pirandello, appunti

UN'ARTE CHE SCOMPONE IL REALE ANALISI: RIASSUNTO L’ARTE UMORISTA - Nell’opera narrativa pirandelliana è apparentemente intatto l’edificio strutturale del romanzo (per esempio ne "Il fu Mattia Pascal" c’è una trama ben delineata: ha un inizio, una fine, uno svolgimento…), ma nel meccanismo, è disintegrato dall’interno: ci sono sempre notazioni di ambiguità, per cui il romanzo tende a sfaldarsi.
È questo un aspetto tipico del romanzo novecentesco, il quale perde la propria struttura e si dissolve, ne sono esempio l’”Ulysse” di Joyce e la produzione di Kafka. In Italia il precursore di tale tendenza fu D’Annunzio, tant’è vero che sul piano strutturale il piacere, con la sua trama dissolta, è un romanzo d’avanguardia.