All'amica risanata - parafrasi

Appunto inviato da boba4182
/5

Parafrasi completa del sonetto all'amica risanata di Ugo Foscolo (3 pagine formato txt)

Qual dagli antri marini            
l'astro più caro a Venere            
co' rugiadosi crini
fra le fuggenti tenebre
appare, e il suo vïaggio            5
orna col lume dell'eterno raggio;        

sorgon così tue dive
membra dall'egro talamo,
e in te beltà rivive,
l'aurea beltate ond'ebbero            10
ristoro unico a' mali            
le nate a vaneggiar menti mortali.

Fiorir sul caro viso
veggo la rosa, tornano
i grandi occhi al sorriso            15
insidïando; e vegliano            
per te in novelli pianti
trepide madri, e sospettose amanti.

Le Ore che dianzi meste
ministre eran de' farmachi,            20
oggi l'indica veste                
e i monili cui gemmano
effigïati Dei
inclito studio di scalpelli achei,

.