Novelle rusticane - Libertà: riassunto e analisi

Appunto inviato da lena81
/5

Le Novelle rusticane di Giovanni Verga e analisi approfondita della novella "La libertà" (1 pagine formato doc)

NOVELLE RUSTICANE - LIBERTA': RIASSUNTO E ANALISI

Le Novelle rusticane.

Le Novelle rusticane sono pubblicate nel 1883, due anni dopo i Malavoglia, e ripropongono personaggi e ambienti della campagna siciliana. A differenza di Vita dei campi c'è la scomparsa di eroi per lasciare spazio agli eroi titanici (= riscatto che l'uomo ha in sé ), come per esempio Mazzarò ne La Roba. I temi cambiano e ce né uno prevalente, la ROBA (= la terra) e la lotta per il suo possesso.
Questa corrode i sentimenti e diventa l'unica religione. Le uniche leggi conosciute e rispettate sono quella dell'accumulo, l'economia e il successo economico.
Spariscono gli individui d'eccezione come Rosso Malpelo, la Lupa, che davano i titoli alle novelle e nei titoli entrano entità astratte come Libertà, Malaria, Roba. In queste novelle appare più accentuato il conflitto tra Italia del Nord e del Sud, così come appare più importane la lotta tra le classi sociali (La libertà, La Roba).

Novelle rusticane: testo integrale

NOVELLE RUSTICANE LIBERTA' RIASSUNTO

La libertà. "La libertà" è un titolo amaramente ironico, perché tutta la novella muove da una rivolta per costruire la libertà, mentre questa non viene raggiunta e alla fine della novella dopo diversi anni che i rivoltosi erano in carcere, uno di questi che era uscito disse: " Ma se mi avevano detto che c'era la libertà".
Nelle prime sequenze si parla della rivolta di Bronte, storicamente esistita e avvenuta dal 2 al 5 agosto del 1860. Infatti Verga ne descrive i tre giorni come un carnevale avvenuto in luglio. È una rivolta in cui i contadini si rivoltano ai "cappelli"; i contadini ce la fanno, uccidono molte persone. La novella inizia dicendo che il popolo riesce a conquistare Bronte e le terre in cui erano costretti a lavorare. Quando arrivano a spartirsi le terre, però, non riescono a farlo perché hanno ucciso il geometra, il notaio, il prete che suonasse le campane la domenica e così non sono capaci di gestire la situazione. Verga accenna anche ad un avvocato che partecipa alla rivolta.

Analisi del testo "Malaria" di Verga

NOVELLE RUSTICANE LIBERTA' ANALISI

Nella realtà è la storia di due fratelli: Niccolò Lombardo e suo fratello che furono alla guida della rivolta, ma questa degenerò e sfuggì alle loro mani. Verga ci vuole dimostrare quella che è la sua ideologia che trova in un episodio storico la sua concreta dimostrazione. I contadini ce la fanno ad ottenere la libertà, ma non sono in grado di gestirla perché non si sfugge dalla propria classe sociale.
Due giorni dopo "arriva un luogotenente", il tenente di Garibaldi, Bixio che riporta l'ordine a Bronte. Un problema storiografico che ci si pone dalla lettura è: ma perché i contadini si ribellano proprio mentre arriva Garibaldi, e perché lui manda Bixio a portare l'ordine? I contadini sperano che Garibaldi li appoggi e dia loro le terre e l'uguaglianza. Per Garibaldi questa rivolta è un intoppo perché lui pensava solo all'unità d'Italia.

Cavalleria rusticana di Verga: analisi del testo