Le tematiche e le poesie di Ungaretti in sintesi

Appunto inviato da safogliano87
/5

il tema dell'assenza più alcune analisi poesie, "Veglia", "Non Gridate più" e "La madre" di Ungaretti (3 pagine formato doc)

Le tematiche e le poesie di Ungaretti in sintesi - Tema dell'assenza (dal deserto alla guerra) Ciò che dai critici letterari viene definito il "tema dell'assenza" aveva in Ungaretti un terreno fertile: assente dall'Italia fino a 24 anni, vissuto in una natura assente (il deserto, il porto sepolto), tra compagni che vivono l' "assenza", come gli emigrati anarchici ospitati dalla sua famiglia.

Tutto ciò ritrova una continuità nel paesaggio desolato del Carso e nell'assenza che la guerra determina (assenza di individui, che muoiono, assenza di valori, assenza di vita...).

Leggi anche Le poesie di Ungaretti

La continuità tra i due paesaggi, benché diversi tra loro (Deserto e Carso), la continuità delle situazioni (emigrazione in Egitto e guerra intesa come allontamento dalla vita e dalle radici), è un motivo autobiografico di estrema importanza per comprendere Ungaretti.
E questo tema andrebbe indagato a fondo. Invece la critica letteraria ha generalmente spostato l'accento più sugli aspetti formali ed estetici. In diverse liriche de L'Allegria sono presenti immagini che riportano al vuoto della vita, all'assenza. Per esempio: si veda anche “San Martino del Carso”, “ Veglia” o “In memoria”. Certamente questa tematica del "negativo", dell'"assenza", del "vuoto"non è una negazione del presente, del valore degli oggetti della vita stessa di Ungaretti.

Leggi anche La poetica di Ungaretti

Al contrario, si tratta di affermarne la forza ed il valore, proprio partendo dalla loro mancanza, dalla loro negazione. Sempre secondo critici, successivamente nel Sentimento del tempo, Ungaretti, si rivolgerebbe al 'mito' come tentativo di recuperare dei valori che la dialettica dell'assenza non può riprendere (il nulla distrugge, non costruisce). Al contrario, se è vero che la tematica dell'assenza spinge Ungaretti a 'negare' la realtà dapprima e cercare di superarla poi (Sentimento del tempo), è altrettanto vero che questa problematica ha un aggancio biografico ben reale, non è campata in aria: "un compagno/massacrato/con la bocca digrignata" e, sempre in Veglia, consideriamo anche il finale: "Non sono mai stato/tanto/attaccato alla vita". Anche nello stesso San Martino del Carso: "e' il mio cuore/il paese più straziato" indicano elementi ben reali, ben fondati sul presente: una condanna ed una denuncia proprio di quell' "assenza" che la guerra provoca. La critica riconduce questa relativizzazione del tempo e quindi questa "presenza dell'assenza", alle teorie di Bergson. Tuttavia Ungaretti incontra Bergson non tanto sul piano del contenuto, a nostro parere, quanto maggiormente su quello dello stile, dell'artifizio, per esaltare meglio un contenuto assai concreto.

Leggi anche la parafrasi di Mattina