Plinio il Vecchio

Appunto inviato da xchiarettax
/5

Assieme a Quintiliano, Plinio il vecchio è lo scrittore che meglio rappresenta l'età dei Flavi, caratterizzata da un ritorno all'ordine e da una visione burocratica amministrativa dello Stato romano (2 pagine formato doc)

LA NATURALIS HISTORIA DI PLINIO IL VECCHIO LA NATURALIS HISTORIA DI PLINIO IL VECCHIO gaio plinio secondo, detto plinio il vecchio, nasce fra il 22 e il 23 d.C.
a Como, da una ricca famiglia del ceto equestre. Presta servizio militare in Germania ma nel 58 si ritira a vita privata, probabilmente per incompatibilità con i nuovi orientamenti politici del regime di Nerone. Durante la guerra civile seguita alla morte dell'imperatore si schiera dalla parte di vespasiano di cui diventerà uno dei consiglieri. Muore nel 79, a seguito dell'eruzione del Vesuvio: mosso infatti dal desiderio di indagare lo straordinario fenomeno e dalla necessità di portare soccorso ai cittadini in pericolo muore forse per asfissia o per collasso cardiaco causato dall'affaticamento e dall'intensità del calore. Assieme a Quintiliano, Plinio il vecchio è lo scrittore che meglio rappresenta l'età dei Flavi, caratterizzata da un ritorno all'ordine e da una visione burocratica amministrativa dello Stato romano.
Anche plinio si incarica di mettere ordine nel campo del sapere universale. Il catalogo delle sue opere comprende un'ampia varietà di testi di carattere linguistico-grammaticale, storico-biografico, erudito, tecnico-scientifico: De iaculatione equestri: manuale di tecnica militare De vita pomponi secundi: una biografia su Pomponio secondo Bella germaniae: 20 libri riguardanti tutte le guerre sostenute da Roma contro i germani dai tempi di Mario fino alle campagne del 47 d.C. Studiosus: una sorta di manuale per il perfetto oratore Dubius sermus: sulle ambiguità grafiche e morfologiche della lingua latina A fine aufudii bassi: l'autore narra agli avvenimenti storici dal principato di Claudio fino all'avvento di vespasiano di tutte queste opere ci restano scarsi frammenti. Le più note furono le opere storiche. NATURALIS HISTORIA: integralmente pervenuto è un trattato in 37 libri. Fatto eccezionale per la letteratura antica, l'opera di plinio esordisce con un libro di indici seguiti dall'elenco delle fonti e perfino dal numero delle notizie e dei dati complessivamente raccolti. Il libri affrontano una materia vastissima: cosmologia, geografia, antropologia, zoologia…. l'opera è introdotto da una lettera dedicatoria al futuro imperatore Tito, nel quale l'autore illustra il suo vasto progetto. Quest'opera va a collocarsi nel filone dell'erudizione scientifica, che aveva avuto in catone e varrone i massimi esponenti. Ma nessuno aveva mai pensato a una grande enciclopedia del mondo naturale, a cui l'autore giunge dall'esigenza di salvare un patrimonio vastissimo di informazioni. Il compito primario che si propone è quello di comprendere tutte le conoscenze sul mondo naturale allora accessibili: a tale scopo consulta più di 100 fonti, fra latine e greche. L'autore organizza l'immenso materiale disponendolo in grandi contenitori. Ma all'interno dei singoli libri l'andamento risulta irregolare e desultorio, il filo del discorso viene spesso abbandonato. Il discorso quindi non