Letteratura spagnola: dagli inizi alla fine del Medioevo

Appunto inviato da philosophe
/5

dettagliato riassunto delle forme letterarie e delle opere principali della letteratura spagnola, dalle origini fino agli inizi della Edad de Oro. Cenni storici e spiegazione dei termini tecnici letterari (27 pagine formato doc)

Letteratura spagnola: dagli inizi alla fine del Medioevo - LA EDAD MEDIA L'ETA' MEDIA 1.DALLA FINE DEL SECOLO XI ALL'INIZIO DEL SECOLO XIII.
Il latino utilizzato in Castiglia si era tanto distanziato dalle sue origini, che persino i monaci avevano bisogno di spiegazioni per i termini che derivavano dal latino. A partire dagli ultimi decenni del X secolo, compaiono: le Glossa emilianenses e, più tardi, le Glossa Silenses, divengono la prima testimonianza della nascita di una modalità linguistica nuova, risultato dell'uso locale del latino parlato. Prima del Poema de Mio Cid, che è la prima opera letteraria in castigliano, gli spagnoli cantavano cancioncillas, ricevute e trasformate dai romani.


Leggi anche Letteratura spagnola del 700


Alcune di queste brevi canzoni le, jarchas, iniziarono a far parte, già a metà dell'XI secolo, del repertorio delle poesie dei grandi autori, che scrivevano in arabo o in ebraico. E' questa anche l'epoca in cui visse Rodrigo Díaz de Vivar, protagonista del Poema de Mio Cid. STORIA, PERSONAGGI. ALFONSO VI (1072-1109) è il re che, con la sua figura, primeggia in questo periodo. Le circostanze grazie alle quali salì al trono sono legate alla morte di suo fratello Sancho II e furono oggetto di cantar di gesta.

Leggi anche Letteratura spagnola dell'800

Durante il suo regno si ebbe la conquista di Toledo e di un'ampia zona nei dintorni della città, grazie all'appoggio dei mozarabi (= popolazione cristiana sotto il dominio arabo). Il Cid sarà proprio il concentrato di quelle figure che nascono ora, vale a dire, di quegli uomini che vivono e si arricchiscono nelle zone di frontiera, combattendo contro gli arabi o alleandosi con loro . Alfonso VI promosse in Castiglia varie innovazioni culturali: l'abbandono del rito mozarabico e la incorporazione del rito romano e, contemporaneamente, impose la regola benedettina ai più lontani monasteri, consolidando così la dipendenza dal Papa della Chiesa della Navarra,prima, e di quella castigliana, poi. Due fatti storici fondamentali da ricordare:

Leggi anche Il Medioevo nella letteratura