Chrétien de Troyes: riassunto

Appunto inviato da pisso
/5

Riassunto breve su Chrétien de Troyes, colui che ha inventato la definizione della forma del romanzo cortese-cavalleresco (1 pagine formato doc)

CHRETIEN DE TROYES: RIASSUNTO

Chrétien de Troyes.

Si deve a lui la definizione della forma del romanzo cortese-cavalleresco: la forma è quella dell'avventura. In sé e per sé l'avventura non è un'invenzione di Chrétien de Troyes: sull'avventura è già costruito il romanzo greco dell'età ellenistica, però il significato dell'avventura è diverso. Nel romanzo antico l'avventura, o meglio, le avventure sono delle sventure che colpiscono i personaggi.

Nel romanzo francese sono delle prove, una serie di imprese che i cavalieri compiono per scoprire se stessi, la propria forza, il proprio valore, ovvero per realizzare la propria identità.
Inoltre l'avventura è sempre una "queste", cioè una ricerca, una inchiesta, dolorosa e rischiosa, di qualcosa che quanto più ansiosamente si ricerca, tanto più sembra farsi lontana e viene raggiunta solo quando il cavaliere si è perfezionato, liberandosi nelle prove di ciò che di vile, di "impuro" è nella sua umanità.

Chretien de Troyes: riassunto delle opere

IL CAVALIERE ASSORTO

La ricerca si configura pertanto come ricerca e della felicità (la felicità che é data dal raggiungimento di ciò che si desidera) e dalla perfezione, l'una coincidente con l'altra, perché la felicità è raggiunta quando é raggiunta anche la perfezione.
Come dicevamo, la ricerca è dolorosa e pericolosa: inizia quando il cavaliere sia allontana dalla corte di re Artù e si mette in cammino (di solito si inoltra in una foresta). Nel suo cammino trova pericoli di ogni genere: deve spesso combattere con mostri, difendersi da incantesimi ecc.
Non si tratta però solo di pericoli "fisici": corre il rischio di "perdersi" anche moralmente. Esempio Ivano: dalle prove esce alla fine vincitore e la vittoria è "sanzionata" dal ritorno alla corte (sarebbe interessante fare un confronto tra questi romanzi e le fiabe: ci sono elementi in comune, ad esempio la foresta, lo svolgersi dell'avventura nell'ambito del prodigioso, del meraviglioso, basta pensare agli incantesimi e i mostri, però ci sono anche importanti differenze.

Lancillotto di Chretien de Troyes: recensione

CHRETIEN DE TROYES: LANCILLOTTO

Nelle fiabe infatti il meraviglioso é fine a sé stesso, nei romanzi diventa occasione, mezzo per mettere in risalto il valore del cavaliere che vince anche le forze misteriose che gli s'oppon
gono).
Come terreno su cui esprimersi e attuarsi la ricerca assume l'amore, si presenta cioè come ricerca della donna amata. Questo è particolarmente evidente nel Lancillotto, la cui trama è costituita proprio dalla ricerca da parte di Lancillotto della regina Ginevra, moglie di re Artù.