Guido Cavalcanti: la vita e lo stile

Appunto inviato da whitegladys
/5

La vita e lo stile di Guido Cavalcanti (2 pagine formato doc)

Guido Cavalcanti: la vita e lo stile - GUIDO CAVALCANTI La coscienza artistica si mostra in Cino nelle qualità tecniche ed esteriori della forma.
La sua principale industria è di sviluppare gli elementi musicali della lingua e del verso né fino a quel tempo la lingua sono, sì dolce in nessun poeta, rendendo imagine di un bel marmo polito, da cui sia rimossa ogni asprezza e ineguaglianza. Ma qualità più serie e più profonde si rivelano in GUIDO CAVALCANTI. Anche in lui la perfezione tecnica è somma, anzi in lui è scienza. Innamorato della lingua natia, pose ogni studio a dirozzarla e fissarla, e scrisse una grammatica e un'arte del dire*.


Leggi anche Analisi di alcuni testi di Cavalcanti

Egli, nota Filippo Villani, dilettandosi degli studii rettorici, essa arte in composizioni di rime volgari elegantemente ed artificiosamente tradusse. Di che si vede quanta impressione dovè fare sù contemporanei di Guittone e Brunetto Latini tanto e sì nuovo artificio spiegato come scienza e applicato come arte. Così Guido divenne il capo della nuova scuola, il creatore del nuovo stile, e oscurò Guido Guinicelli: Così ha tolto l'uno all'altro Guido La gloria della lingua. Ma la gloria della lingua non bastava a Guido, a cui lingua e poesia erano cose accessorie, semplici ornamenti: sostanza era la filosofia. Perciò aveva a disdegno Virgilio, parendogli, dice il Boccaccio, la filosofia siccome ella è, da molto più che la poesia. Sottilissimo dialettico, come lo chiama Lorenzo de' Medici, introduce nella poesia tutte le finezze rettoriche e scolastiche, e mira a questo: non solo di dir bene, ma dir cose importanti.

Leggi anche La vita di Dante

I contemporanei studiarono la sua Canzone dell'amore come si fa un trattato filosofico, e ne fecero comenti, come si soleva di Aristotile e di san Tommaso: anche più tardi il Ficino vi cercava le dottrine di Platone. Così Guido era tenuto eccellente non solo come artificioso ed elegante dicitore, ma come sommo filosofo. Questo voleva Guido e questo ottenne, questo gli bastò ad acquistare il primo posto fra i contemporanei. Salutavano in lui lo scienziato e l'artista. Ma Guido fu dotto più che scienziato. Fu benemerito della scienza perché la divulgò, non perché vi lasciasse alcuna sua orma propria. E fu artefice più che artista, inteso massimamente alla parte meccanica e tecnica della forma, vanto non piccolo, ma che tocca la sola superficie dell'arte. La gloria di Guido fu là, dov'egli non cercò altro che un sollievo e uno sfogo dell'animo. Fu là, ch'egli, senza volerlo e saperlo, si rivelò artista e poeta.

Leggi anche Vita e opere di Dante Alighieri

Vi sono uomini che i contemporanei ed essi medesimi sono incapaci di apprezzare. Guido era più grande ch'egli stesso e i suoi contemporanei non sapevano. Guido è il primo poeta italiano degno di questo nome, perché è il primo che abbia il senso e l'affetto del reale. Le vuote generalità dei trovatori, divenute poi un contenuto scientifico e retorico, sono in lui cosa viva, perché, quando scrive a diletto e a sfogo, rendono le impressioni e i sentimenti dell'anima.