Letteratura tra 800 e 900: dal neoclassicismo al futurismo

Appunto inviato da clown
/5

Cronologia dei punti fondamentali della letteratura tra 800 e 900: dal neoclassicismo al futurismo (2 pagine formato doc)

LETTERATURA 800 E 900: CRONOLOGIA

NEOCLASSICISMO (seconda metà del 1700)
•    Imitazione dei caratteri dei modelli classici dell’arte greca e romana
•    L’antica Grecia come culla di un modello di bellezza, in cui l’armonia e l’equilibrio erano frutto di un nobile dominio delle passioni
•    Winckelmann – Ercolano – Pompei
•    Ampio repertorio di miti, ambientazioni classicheggianti; moda dei temi tragici, epici, lirici.
•    ESPONENTI: Foscolo

DAL NEOCLASSICISMO AL ROMANTICISMO ARTE

PREROMANTICISMO
•    Poesia cimiteriale inglese e la poesia ossianica: gusto del cupo, del malinconico, del sepolcrale
•    L’opera di Rousseau, in particolare “La nuova Eloisa” che sviluppò i temi del sentimento, dei paesaggi solitari
•    Il “Werther” di Goethe che introdusse il tema di amore e morte
•    Il movimento dello Sturm und Drung tedesco
ROMANTICISMO (termine usato in senso dispregiativo già nel 1600 in Inghilterra)
•    Idea di nazione come insieme di persone unite nella storia, nella lingua e nella traduizione
•    Si contrappone alla razionalità ed al materialismo
•    L’arte come espressione, come esaltazione della soggettività
•    Rifiuto delle regole codificate dalla tradizione classica
•    Massima libertà espressiva
•    Esaltazione del sentimento, cioè libera attività creatrice dell’uomo
•    Rivalutazione della storia (storiografia), in particolare del Medioevo
•    Rifiuto della mitologia
•    Nuovi generi letterari: il romanzo storico, il teatro, le ballate, …
•    ESPONENTI: Leopardi, Manzoni.

Il romanzo tra 800 e 900: caratteristiche

LETTERATURA ITALIANA 800 E 900

NATURALISMO
•    Atteggiamento sorto in Francia come applicazione del Positivismo che si propone di rappresentare la realtà conb gli stessi metodi usati dalle scienze naturali (da cui il nome)
•    Osservazione oggettiva della realtà
•    La rappresentazione dei fatti mediante leggi scientifiche (Positivismo)
•    La scrittura come documento oggettivo
•    TEMI PREDILETTI: la vita quotidiana, le passioni morbose, le condizioni di vita del proletariato urbano
•    ESPONENTI: Francia Gustave Flaubert; Emile Zola “Teoria del romanzo sperimentale”
LA SCAPIGLIATURA (1860-1880)
•    Si sviluppa a Milano riprendendo i Bohemien francesi
•    Movimento di reazione contro la letteratura romantica
•    Il termine prende origine dal titolo del romanzo “La Scapigliatura”
•    Atteggiamento polemico e provocatorio contro la cultura del tempo
•    Si schierarono contro la società borghese
•    Proclamarono il culto del vero
•    Introdussero i temi del brutto, del deforme, dello sporco, …

LETTERATURA DELL'800 E 900

VERISMO (1870)
•    Influenza del naturalismo francese
•    Canone dell’obiettività: il compito dello scrittore è di riprodurre il vero storico
•    Canone dell’impersonalità: lo scrittore non deve far trasparire nell’opera la sua presenza
•    Canone della scientificità: il vero va ritratto attraverso il metodo scientifico
•    Il linguaggio deve essere adatto alla vicenda stessa
•    Verismo italiano: carattere regionalistico e tono pessimistico
•    ESPONENTI: Luigi Capuana; Verga
DECADENTISMO (1880 )
•    A Rebours (A ritroso, o controcorrente) di J.

K.
Huysmans; Dorian Gray protagonista dell’omonimo di Wilde e Andrea Sperelli del Piacere di D’Annunzio
•    Il termine fu preso da un sonetto del 1883 di Paurl Verlain (un autore decadente) dal titolo Languore
•    L’ estetismo e il simbolismo sono due manifestazioni del decadentismo: il primo riguarda soprattutto la narrativa italiana e inglese, il secondo la lirica francese.
•    I suoi presupposti filosofici vanno ricercati nei pensieri di Nietzsche e Bergson.
•    ESTRANEITÀ DELL’INTELLETTUALE: egli è quindi il poeta maledetto, uno sradicato, ma volutamente sradicato a differenza dell’eroe romantico che lo era per motivi indipendenti dalla sua volontà.
•    RIFIUTO DEL METODO SCIENTIFICO E RAZIONALE PROPOSTO DAL POSITIVISMO, A FAVORE DI UN APPROCCIO IRRAZIONALE CHE APRE LA VIA ALL’INCONSCIO
•    RIBELLIONE AI VALORI CULTURALI DELLA SOCIETÀ BORGHESE
•    SOGGETTIVISMO E INDIVIDUALISMO: l’arte deve esprimere le sensazioni del soggetto, non è più mera imitazione della realtà come nel neoclassicismo o nel verismo.