Marc Chagall

Appunto inviato da kiaret
/5

Vita e opere del pittore poeta. (file.doc, 1 pag) (0 pagine formato doc)

MARC CHAGALL MARC CHAGALL Nei suoi lavori la forza espressiva del colore, il clima fiabesco e l'atmosfera poetica colpisce i sentimenti e le emozioni.
Chagall essendo ebreo fu vittima del razzismo e nel 1941 dovette rifugiarsi a malincuore a New York, negli Stati uniti, con la moglie Bella. Purtroppo dopo tre anni la moglie moriva e Chagall ne fu molto addolorato perché Bella oltre ad essere l'ispiratrice delle sue opere era la presenza più importante della sua vita. Chagall muore in Francia nel 1985 all'età di 97 anni; ma fino all'ultimo ci trasmette il suo messaggio di pace continuando a dipingere l'amore universale. MARC CHAGALL: pittore-poeta ( pittore russo-francese, nacque a Vitebsk nel 1887 e morì a Saint Paul de Vence nel 1985) Dopo una precoce educazione artistica nel suo paese e a San Pietroburgo, nel 1910 partì per Parigi dove frequentò i pittori più innovativi (Matisse, Picasso, Modigliani, Braque).
La sua arte fu dunque influenzata dall'avanguardia francese. In particolare fu colpito dai colori accesi e puri dei Fauves e di Van Gogh, dagli arabeschi di Matisse e dal cubismo di Picasso. Tuttavia sceglie una sua particolare strada privilegiando alla razionalità del cubismo i sentimenti, la nostalgia, il ricordo, la forza visionaria e immaginativa. La sua pittura è soprattutto colore, metafora e poesia religiosa. Il suo villaggio è spesso dipinto in molti quadri perché gli ricordano l'infanzia. Dipingerà anche l'amatissima moglie Bella. Nel 1914 lascia Parigi e torna in Russia dove diventa commissario per le Belle Arti a Vitebsk. Nel 1919 fu decoratore scenografico del teatro Ebraico di Mosca. Entrato in contrasto con le autorità locali ritorna a Parigi ma nel 1933 l'ascesa di Hitler al governo cambia il clima politico europeo. Così nel 1941 si rifugia in America per sfuggire alla persecuzione nazista. Sue opere importanti sono La mia fidanzata con i guanti neri, Il compleanno, Witebsk, Il violinista verde, le illustrazioni della Bibbia, numerose Vetrate (per una Sinagoga di Gerusalemme, per la sede dell'ONU a New York), le scenografie per l'opera musicale L'uccello di fuoco di Stravinskij, il soffitto del teatro “L'operà” di Parigi. Le atmosfere magiche delle sue tele richiamano la coloratissima arte popolare russa. Chagall ebbe la concezione mitico-panteista degli ebrei “Chassidini”: per Chagall ogni cosa della natura nasconde un fuoco divino,una divinità sacra. Da qui la concezione religioso-fantastica della sua arte. Egli fin da bambino si sente in comunione con la natura.