La funzione sociale del poeta e gli elementi della poesia: riassunto

Appunto inviato da antonhy
/5

la funzione sociale del poeta, elementi della poesia: il verso, la strofa, la rima, il ritmo, il metro e le figure retoriche più usate (4 pagine formato doc)

La funzione sociale del poeta e gli elementi della poesia: riassunto - POESIA La poesia non ha lo scopo di razionalizzare, ma di esprimere in versi sentimenti e idee, dare sensazioni, richiamare quel qualcosa d'estremamente intimo e personale.
E' una forma di comunicazioni intransitiva, dove sono secondari gli scopo pratici (informazioni, insegnamenti) propri della prosa: il testo poetico esercita la sua funzione nel farsi leggere, ricordare, meditare (citare, se si vuole); invita il lettore a soffermarvisi, ed a far viaggiare l'immaginazione sulla spinta delle emozioni, delle immagini che suscita. Per ogni testo poetico sono possibili svariate interpretazioni, e potenzialmente infinite sono le reazioni che può suscitare in lettori diversi.


Leggi anche Tema sul significato della poesia

Funzione sociale del Poeta Il poeta antico era il custode della memoria storica e mitica collettiva, In epoca romana la poesia si orienta ad una ristretta cerchia d'intellettuali in grado di comprenderne i significati, e la varietà di tecniche costruttive impiegata dal poeta. La poesia diviene anche un veicolo di riflessione intellettuale e filosofica che vuol trasmettere insegnamenti, Nel medioevo Dante l trasforma in un alto messaggio di valore universale (diviene così una forma totale di intervento in tutti i campi della realtà creando la figura del poeta-teologo). Petrarca la trasforma in canale di espressione dei sentimenti individuali (passione amorosa), rivolta ad un pubblico d'èlite. Questo tipo di poesia non incide direttamente nella vita pubblica. In epoca decadentista la poesia diviene “simbolista” ovvero solo ad alcuni eletti è consentita la percezione di ciò che veramente si celava dietro la realtà, composta solo di apparenze, di convenzioni: solo il poeta, con la sua spiccata sensibilità può riuscire a stracciare questo velo ingannatore e rivelare il vero “reale” delle cose, decodificare un mondo ormai alieno, nel quale i simbolisti non si riconoscono più.

Leggi anche Le caratteristiche della poesia

La poesia nasce dal sogno come viatico dominante, percorso analogico e simbolico, assoluta mancanza di separazione tra IO e realtà esterna (per esprimere la complessità di rapporto tra realtà esterna e realtà interiore, nulla vi è di meglio che la poesia) Non esiste più sintonia con la società, non vi è più l'antico ruolo sociale di “anello mancante” tra il popolo ed i potenti, di colui che trasmette le leggende, i miti, il credo, le ideologie; si stanno affermando le masse, i grandi partiti, i sindacati che divengono interlocutori diretti della classe dirigente, è finito il bisogno di mediatori.