La signorina Felicita

Appunto inviato da capuzz
/5

Analisi del testo (Documento word, 2 pag.) (0 pagine formato doc)

LA SIGNORINA FELICITA LA SIGNORINA FELICITA ANALISI DEL TESTO Quali atmosfere, ambienti e personaggi descrive il componimento? Come è presentata la Signorina Felicita? Le atmosfere che vengono descritte sono molteplici, si dalla tristezza, alla malinconia, al senso del passato che emerge forte in tutta l'opera.
Infatti tutto il componimento è improntato sui ricordi malinconici dell'autore, che con la sua lirica rende pienamente il suo stato d'animo. Gli ambienti descritti al contrario non sono molti, anzi tutto ruota intorno all'ambiente domestico e contadino . Così viene descritta Villa Amarena: una dolce casa, al tempo stesso triste ed inanimato edificio dalle stanze morte, dall'arredo malinconico, squallido e severo, antico e nuovo.
Questa contrapposizione di aggettivi sta a sottolineare lo stato d'animo del poeta e la sua malinconia. I personaggi che compaiono sono l'Avvocato, che personifica l'autore stesso; il farmacista, responsabile dell'incontro tra la sig.na Felicita e l'Avvocato; Maddalena, la cameriera; ed infine il notaio, il sindaco ed il dottore che si ritrovano per giocare a carte. La signorina Felicita viene descritta quasi brutta, priva di lusinga, con vesti povere e trasandate. Ha i capelli biondi raccolti in treccioline, una bocca rossa e larga, un volto squadrato, senza sopracciglia e gli occhi azzurri. Che cosa rappresenta per l'io lirico il mondo semplice di Felicita? Il sottotitolo della poesia, rinviando al nome della donna, ti offre una chiave di interpretazione? Per l'autore il mondo semplice di Felicita rappresenta la salvezza, un mondo in cui potersi rifugiare al riparo dal presente a dall'artificiosità della vita del poeta, un mondi intellettuale in cui non vive bene. Il sottotitolo della poesia offre sicuramente una chiave d'interpretazione perché il nome della donna rievoca la felicità come lui rievoca i bei momenti ad essa legati. Quale immagine di sé l'io lirico mostra al lettore? Qual è la morale di vita a cui aspira? Da quale vita “atroce” l'autore vorrebbe evadere? Delle ansie di evasione come si esprime? Il poeta offre un'immagine di sé alquanto triste, legata ai dolci ricordi del passato, un uomo malinconico e triste per la sua posizione, non contento della sua attività di poeta. Egli aspira ad una vita concreta, non più fatta di astrattismi mentali come la poesia, ma una vita fatta di lavoro, fatta di aspirazione alla ricchezza e al denaro. Ciò che più lo assilla e da cui vuole evadere è sicuramente il ruolo del poeta, di cui addirittura si vergogna. L'autore esprime attraverso l'intera lirica la morale di vita a cui aspira, a sostenere ciò sta il fatto che egli evade continuamente dalla realtà pensando al passato e “vivendo” nel passato. Esaminate il testo a livello linguistico e stilistico Lo stile linguistico è un'alternarsi di periodi semplici, di linguaggio semplice e di periodi e linguaggio complesso. La metrica è rappresentata da sestine di versi endecasillabi con rima non se