Verlaine: vita e poetica

Appunto inviato da elionba82
/5

Riassunto della vita e la poetica di Paul Verlaine, e testo originale di alcune sue poesie (3 pagine formato doc)

PAUL VERLAINE: VITA E POETICA

Paul Verlaine nacque nel 1844, trascorse l'infanzia e l'adolescenza a Parigi.

Più che seguire gli studi di legge ai quali era stato avviato, frequentò i circoli letterari e i poeti parnassiani. Si diede ben presto ad una vita disordinata alla quale alternava qualche periodo di regolarità. Nel 1871 si legò in un turbinoso ed equivoco rapporto col giovane Rimbaud col quale viaggiò per l'Europa, ma un giorno, in preda all'alcool, lo ferì con alcune rivoltellate. Imprigionato, sembrò accostarsi alla fede cattolica e ritornare, dopo la libertà ad una vita normale.
Ma fu presto ripreso dalle antiche abitudini e la sua vita fu un susseguirsi di miserie e di disordini. Morì nel 1896.

Paul Verlaine: vita e opere

PAUL VERLAINE: OPERE

Opere più significative. I poemi saturnini (1886): opera giovanile in cui sono già individuabili i temi fondamentali della sua poesia di sempre: malinconia, tenerezza e intimità.
Romanze senza parole (1874): raccoglie liriche scritte nel periodo del carcere; esse, come esprime il titolo, tendono a manifestare la musicalità della poesia divenuta simbolo della profonda intimità delle cose.
Saggezza (1881): frutto di una crisi spirituale, dopo un periodo di dolorose meditazioni, il poeta sembrò ritrovare la pace dell’anima nella appassionata adesione alla religione cattolica, di cui questi versi sono testimonianza.
I poeti maledetti (1884): raccolta di saggi su alcuni poeti del tempo in cui Verlaine esprime il suo concetto anticonvenzionale e anticonformista sul poeta, in lotta contro la società mediocre che non lo comprende, spregiudicato sia nelle poesia sia nella vita. Esalta, infatti, quei poeti suoi amici, oscuri ma degni di gloria, che conducevano una vita misera e irregolare ma coerente con il loro rifiuto degli schemi comuni, sia nella vita sia nel loro vivere.

PAUL VERLAINE: POETICA

Poetica. Al primo posto Verlaine mette la musicalità, intesa come mezzo tecnico per realizzare l'invito al sogno. Così è la sua Arte poetica (Art poétique) in Jadis et naguère.