Matteo Maria Boiardo: vita e opere

Appunto inviato da paolyno
/5

Schema riassuntivo su Matteo Maria Boiardo: vita, opere e caratteristiche (1 pagine formato doc)

MATTEO MARIA BOIARDO

Matteo Maria Boiardo (1441- 1494):
-    regge il feudo di Scandiano e si trasferisce a Ferrara.
-    Traduce in volgare classici latini e greci, in latino opere di carattere pastorale ed encomiastico, un’ opera teatrale in volgare (Timone).
-    Canzoniere = raccolta delle liriche in volgare ispirate all’amore per Atonia Caparra, 180 testi, nel primo libro canta le gioie di un amore felice e corrisposto, nel secondo la sofferenza per il tradimento e nel terzo del pentimento e la preghiera.

Modelli letterari petrarcheschi e stilnovisti.
Carica poetica esuberante, li primo libro è una cosa nuova:è presente uno slancio di intensa sensualità e il linguaggio è spontaneo e immediato.

Boiardo e Ariosto a confronto

MATTEO MARIA BOIARDO, ORLANDO INNAMORATO

-    L’ “Orlando innamorato”, inizia nel1476, prima pubblica i primi due libri in 60 canti, il terzo è stato interrotto al nono. Riprende la materia cavalleresca, è destinato ad un’ elite cortigiana. Titolo= novità per il pubblico appassionato di romanzi francesi ed italiani. Il forte paladino Orlando cade in preda all’amore, così fonde i due cicli cavallereschi carolingio e arturiano. N altro elemento bretone è il meraviglioso fiabesco, nel proemio dice di preferire la corte di re Artù a quella di Carlo, infatti lui considera amore e forza guerriera due virtù inseparabili.

MATTEO MARIA BOIARDO VITA E OPERE

-    Al centro del poema ci sono le armi e gli amori, i valori del mondo cavalleresco sono profondamente sentiti. Parevano tramontati, ma possono rivivere nella società cortigiana ferrarese, si definisce li cantore della cavalleria, che però corrisponde agli interessi vivi della società cortigiana quattrocentesca, la cavalleria si è riempita di valori moderni.
-    Prodezza cavalleresca = forza guerriera + virtù dell’individuo libero che impone il suo dominio sulla fortuna, culto della vita attiva ed energica si manifesta come un individualismo proteso all’ affermazione di sé, dunque l’onore rispecchia l’esigenza del primeggiare. Lealtà e cortesia = rispetto per la personalità altrui e tolleranza verso credenze diverse.
-    Il rozzo individualismo + le doti intellettuali = Orlando, il cavaliere colto / Africane, il superato eroe guerriero. Nel  sapere risiede l’essenza dell’uomo e ciò lo distingue dai bruti.

MATTEO MARIA BOIARDO VITA

-    Amore = manifestazione del senso gioioso ed energico della vita, amore e armi sono un’inscindibile unità, visione della vita laica mondana ed edonistica. Angelica lo rappresenta perché è una donna in tutta la complessa mobilità della sua psicologia, come le eroine boccacciane, è carica di maliziosa allusività per far tramontare il vecchio modo di concepire letterariamente l’amore.
-    Brunello = nano scaltro ed agilissimo, spinto al furto, che suscita il riso per la sua furfantesca grandiosità.
-    L’ Ironia di Boiardo non è l’atteggiamento di uno spirito disincantato, ma riflette ideali perfettamente vivi ed attuali, è l’effetto di una partecipazione goduta del poeta allo slancio vitale che anima le sue storie.