I fiumi, Ungaretti

Appunto inviato da redazione
/5

Commento alla poesia "I fiumi" di Giuseppe Ungaretti.(2 pagg., formato word) (0 pagine formato doc)

I FIUMI - UNGARETTI I FIUMI - UNGARETTI In questa poesia Ungaretti esprime sentimenti malinconici, si sente solo (MI TENGO A QUEST' ALBERO MUTILATO/ ABBANDONATO IN QUESTA DOLINA …), vorrebbe la fine della guerra, è stanco di combattere tant' è che si mette a riposare nell' acqua del fiume (… STAMANE MI SONO DISTESO/ IN UN URNA D' ACQUA/ E COME UNA RELIQUIA/ HO RIPOSATO …).
Ma sostando con il suo stanco corpo nelle acque dell' Isonzo, Ungaretti si sente in armonia con l' acqua, con il mondo intero e per lui sarebbe un tormento, un dolore non esserlo (… IL MIO SUPPLIZIO/ È QUANDO/ NON MI CREDO/ IN ARMONIA …), il tocco del fiume lo rende felice. Nei versi 9-10-11-12 il poeta afferma di riposare “… IN UN' URNA D' ACQUA/… COME UNA RELIQUIA …”, in questa parte si nota la considerazione che ha di se stesso, ovvero quella di un resto mortale.
Nei versi 16-17-18-19 notiamo l' opposizione del termine “… HO TIRATO SU/LE MIE QUATTR' OSSA …” con “E ME NE SONO ANDATO/COME UN ACROBATA …”. Nei versi 66-67-68-69 c' è l' apice della tristezza provata da Ungaretti, infatti, nella solitudine e nella depressione della notte, vede la sua vita che gli appare come “… UNA COROLLA/DI TENEBRE”, ovvero qualcosa di fragile, che potrebbe finire da un momento all' altro. Il testo è intriso di nostalgia mista alla gioia dei ricordi del passato. La poesia è stata scritta durante la prima guerra mondiale (16 ago - 1916) e in ogni fiume che lo scrittore nomina, c' è una parte della sua vita: il Serchio, rappresenta la patria (Lucca); il Nilo, la sua nascita e la prima fase della sua vita; la Senna, la sua formazione culturale; e infine, c' è l' Isonzo, che racchiude il ricordo degli altri fiumi. Analizzando le altre poesie di Ungaretti, ho inquadrato tre sezioni in cui dividerle, ovvero le poesie sulla guerra, quelle sulla famiglia e quelle sulla patria; a quest' ultima appartiene questa poesia.