Giacomo Leopardi: testo argomentativo

Appunto inviato da gohan98
/5

Testo argomentativo su Leopardi che risponde alla traccia: esponi i tratti più significativi della biografia e della poetica di Giacomo Leopardi, facendo riferimento alle sue opere (2 pagine formato docx)

GIACOMO LEOPARDI: TESTO ARGOMENTATIVO

Esponi i tratti più significativi della vita e della poetica di Giacomo Leopardi, facendo riferimento ai brani studiati.

Giacomo Leopardi è il maggior lirico del Romanticismo, un complesso movimento culturale che si diffonde in Europa tra la fine del Settecento e la prima metà dell’Ottocento e che rivaluta la fantasia, il sentimento, il pensiero del singolo individuo e l’ardore patriottico.

BIOGRAFIA GIACOMO LEOPARDI

Giacomo Leopardi nacque a Recanati nel 1798 da una famiglia nobile. Crebbe in un ambiente di provincia molto oppressivo, aggravato dall’indifferenza del padre e dall’eccessiva severità della madre.

Molto pre-coce per interessi e capacità intellettuali, trascorse l’età tra i dieci e i diciassette anni chiuso nella biblioteca paterna dove imparò l’uso di tutte le lingue moderne, dell’ebraico, del latino e del greco. Questo studio così esagerato gli causò molti danni al sistema nervoso e alla vista. Insofferente dell’arretratezza cultura ledi Recanti chiese il permesso di trasferirsi a Roma e l’ottenne nel 1822 ma questo soggiorno non fece che acuire il suo pessimismo nei confronti del mondo, così girovagò per altri paesi italiani come Milano, Bo-logna e Firenze, sempre però facendo ritorno al suo paese natale amato e odiato, pronto a ripartire il pri-ma possibile. Intanto le sue condizioni di salute peggiorarono, così nel 1833 si trasferì a Napoli, dove con-fortato dall’amico Antonio Ranieri morì nel 1837.

Il pensiero di Leopardi in breve

GIACOMO LEOPARDI OPERE

Le sue opere più importanti furono:
•    Canti: una raccolta di quarantuno canzoni patriottiche, a contenuto filosofico, idilli o liriche d’amore.
•    Operette Morali: un’opera filosofica in cui Leopardi esprime la sua pessimistica concezione della vita.
•    Zibaldone: raccolta di note e appunti raccolti giornalmente tra il 1817 e il 1827.

GIACOMO LEOPARDI POETICA

Dall’opera poetica di Leopardi emerge chiaramente la sua pessimistica concezione della vita: per il poeta infatti la causa di tutta la sua infelicità è la Natura in quanto durante la giovinezza illude e fa promesse che poi non mantiene nell’età adulta. Così il suo pessimismo da individuale diventa umano e poi universale, cioè la Natura non ronde infelici solo gli esseri viventi, ma tutti gli esseri del creato. La vita appare a Leo-pardi come sofferenza e dolore. La gioia è solo momentanea, breve cessazione della sofferenza, ma aldilà del dolore c’è la noia che spegne la gioia di vivere. A salvare il poeta c’è solamente la sua fervida attività intellettuale, ma in particolare il conforto e la liberazione della sua poesia. Per Leopardi la poesia deve essere musica, armonia e quindi svincolata dalla rima, ma il poeta riesce ad ottenere degli effetti suggestivi solo attraverso la collocazione delle parole.