Alexandros di Pascoli: testo e analisi

Appunto inviato da punipuni
/5

Breve descrizione della poesia Alexandros di Pascoli con il testo. Questa poesia fa parte dei poemi conviviali (1904), ma fu pubblicata per la prima volta nella rivista "Il convitto" (3 pagine formato doc)

ALEXANDROS PASCOLI: ANALISI

Giovanni Pascoli con Alexandros. Questa poesia fa parte dei poemi conviviali (1904), ma fu pubblicata per la prima volta nella rivista il convitto.

L’autore in essa intende esprimere una propria concezione irrazionalistica della verità, per Pascoli infatti quest’ultima non era data dalla Scienza intesa come sapere forte, ma piuttosto dal Sogno ove si può trovare il mistero della vita umana.
Nella poesia è presente un registro classicistico che è concordante con il tono aulico ed erudito del testo.
In essa Alessandro Magno è il protagonista, avido di conoscenza (rispecchia una visione prettamente medievale). Egli dopo aver conquistato svariati territori fino ad arrivare all’India trova innanzi a se il limite dell’oceano.
A questo punto Alessandro si interroga sul senso della vita e prova sconforto quando paragona la propria esistenza come uomo davanti all’infinito, si rammarica inoltre di non poter proseguire il suo viaggio e quindi di non aver più aspettative.

Alexandros di Pascoli: parafrasi

ALEXANDROS PASCOLI: TESTO

I - Giungemmo: è il Fine. O sacro Araldo, squilla!
Non altra terra se non là, nell'aria,
quella che in mezzo del brocchier vi brilla,

o Pezetèri: errante e solitaria
terra, inaccessa. Dall'ultima sponda
vedete là, mistofori di Caria,

l'ultimo fiume Oceano senz'onda.
O venuti dall'Haemo e dal Carmelo,
ecco, la terra sfuma e si profonda

dentro la notte fulgida del cielo.


II - Fiumane che passai! voi la foresta
immota nella chiara acqua portate,
portate il cupo mormorìo, che resta.

Montagne che varcai! dopo varcate,
sì grande spazio di su voi non pare,
che maggior prima non lo invidïate.

Azzurri, come il cielo, come il mare,
o monti! o fiumi! era miglior pensiero
ristare, non guardare oltre, sognare:

il sogno è l'infinita ombra del Vero.

III - 
Oh! più felice, quanto più cammino
m'era d'innanzi; quanto più cimenti,
quanto più dubbi, quanto più destino!

Ad Isso, quando divampava ai vènti
notturno il campo, con le mille schiere,
e i carri oscuri e gl'infiniti armenti.

A Pella! quando nelle lunghe sere
inseguivamo, o mio Capo di toro,
il sole; il sole che tra selve nere,

sempre più lungi, ardea come un tesoro.

IV - Figlio d'Amynta! io non sapea di meta
allor che mossi. Un nomo di tra le are
intonava Timotheo, l'auleta:

soffio possente d'un fatale andare,
oltre la morte; e m'è nel cuor, presente
come in conchiglia murmure di mare.

O squillo acuto, o spirito possente,
che passi in alto e gridi, che ti segua!
ma questo è il Fine, è l'Oceano, il Niente...

e il canto passa ed oltre noi dilegua. -

V - E così, piange, poi che giunse anelo:
piange dall'occhio nero come morte;
piange dall'occhio azzurro come cielo.

Ché si fa sempre (tale è la sua sorte)
nell'occhio nero lo sperar, più vano;
nell'occhio azzurro il desiar, più forte.

Egli ode belve fremere lontano,
egli ode forze incognite, incessanti,
passargli a fronte nell'immenso piano,

come trotto di mandre d'elefanti...