Bibbia e scienza - pensiero di Galileo

Appunto inviato da darkasia83
/5

Testo scritto di analisi della lettera a Benedetto Castelli riassuntivo del pensiero di Galileo sulla non contraddittorietà tra scienza e fede. (2 pagg. formato word) (0 pagine formato doc)

Untitled interpretate letteralmenGALILEO GALILEI-Lettera a Benedetto Castelli ESERCIZIO DI SCRITTURA:Ricostruisci l'articolazione del raguionamento di Galilei in terza persona,utilizzando i nuclei fondamentali del suo pensiero.2-titolo al paragrafo focalizzando la figura di Galilei in qualit?i nuovo intellettuale TITOLO: SCIENZA E SACRA SCRITTURA:DUE DIVERSE MANIFESTAZIONI DI DIO La Bibbia,in quanto parola di Dio,?nfallibile e finalizzata a guidare l'uomo nel suo cammino verso la salvezza.Il suo linguaggio deve essere comprensibile ad ogni singolo individuo,e per questo ricorre ad immagini simboliche e a metafore,che non devono essere interpretate letteralmente,ma necessitano della corretta interpretazione.Il linguaggio non ?uindi rigoroso e univoco,e nel campo della scienza non ?pportuno ricorrere alla Sacra Scrittura,in quanto questa ha come obiettivo quello di salvare gli uomini e indicare loro una retta via morale.Ci?n implica,per?e i due mondi siano indipendenti l'uno dall'altro e non ?ossibile che la natura contraddica la parola di Dio,perch?a natura ?pera divina,esecutrice della volont?i Dio.La scienza si occupa di come la natura si manifesta,attraverso l'attenta osservazione dei fenomeni,l'esperienza sensibile;la Bibbia al contrario,non fornisce illuminazioni su come la natura ?a sul perch?a natura ?a scienza,attraverso l'osservazione,svela i meccanismi della creazione,non ?istante dalla parola di Dio,ma la vede nell'ambiente e la conosce in maniera particolare.Quindi il contrasto tra scienza e sacra scrittura ?nesistente,in quanto i due piani sono in rapporto di dettatura-esecuzione,la Bibbia esprime la volont?i Dio,rendendola accessibile anche all'uomo pi?mplice,la scienza studia la manifestazione di Dio nella natura,oggettivizza i fenomeni e non usa un linguaggio metaforico,ma rigoroso e univoco.I due campi hanno obiettivi diversi ma sono entrambi riconducibili ad un unico fattore di creazione:Dio.
.