Il candelaio di Giordano Bruno: significato e stile della commedia

Appunto inviato da nappy
/5

Il candelaio: significato e stile della commedia teatrale di Giordano Bruno (1 pagine formato doc)

IL CANDELAIO DI GIORDANO BRUNO

Il Candelaio di Giordano Bruno.

Il Candelaio è l’unica opera puramente letteraria di Giordano Bruno. È una commedia in cinque atti, preceduta da ben sette parti introduttive, pubblicata nel 1582 ma concepita nel 1576. È impossibile riassumere la trama complicatissima, poiché essa manca di una struttura tradizionale. L’opera è una satira corrosiva sulla pedanteria e sulle passioni che affievoliscono o sconvolgono la ragione umana.
Ne sono protagonisti l’“insipido amante” Bonifacio, perso in svenevoli sogni d’amore; il “sordido avaro” Bartolomeo, che insegue l’illusione dell’alchimia di trasmutare il metallo in oro; il “goffo pedante” Manfurio, che obbedisce rigidamente alle regole della grammatica e della retorica e per questo è vittima di scherzi e raggiri continui. Un quarto personaggio, il pittore Giovan Bernardo, riflette il pensiero dell’autore.

Giordano Bruno: vita e pensiero

CANDELAIO: SIGNIFICATO

La forza che dispone e muove l’intreccio degli eventi è la fortuna, stravagante e volubile. Essa si sbizzarrisce a suo piacere e senza che l’uomo possa opporvisi; tanto vale dunque godersela e afferrare ciò che casualmente ci offre, cercando tuttavia di capirne i meccanismi, per apprezzare e cogliere il meglio della vita. L’autore ha una dichiarata avversione per il mondo accademico e per norme che giudica false, e mette in risalto la sua estraneità ad esse con un atteggiamento trasgressivo, che traspare fin dal sottotitolo beffardo: Comedia del Bruno Nolano, Achademico di nulla Academia, detto il fastidito.

Giordano Bruno: pensiero filosofico

IL CANDELAIO DI GIORDANO BRUNO: STILE

Lo stile è aspro e incalzante, volutamente contrario alle regole; vi ricorrono echi mitologici e classici ed anche richiami alla cultura contemporanea, ma gli uni e gli altri appaiono svuotati da un uso irriverente e derisorio. Il ricorso ad un petrarchismo di maniera copre di ridicolo l’innamorato sciocco; la prosa libresca e il latino letterario e pedante di Manfurio, infine, si risolvono in una satira contro i classicisti. La vivacità dell’opera deriva in larga misura da una sintassi frantumata e dal lessico d’invenzione, che accosta vocaboli letterari, fuori moda o stravaganti, ad un gergo plebeo, ricco di termini dialettali e sovente osceno.

Alcuni elementi lasciano presagire il gusto barocco; tra questi, ad esempio, vi è la tendenza all’uso insistito delle figure retoriche, in particolare dell’allitterazione, con cui si ottengono singolari effetti fonetici e suggestivi giochi linguistici attraverso la successione ravvicinata di suoni simili o uguali.

Giordano Bruno: opere e pensiero