capitolo XI: similitudini

Appunto inviato da 2piedi
/5

L'utilizzo di similitudini, anafore e interventi dell'autore dell'XI° capitolo dei promessi sposi di Alessandro Manzoni (1 pagine formato doc)

CAPITOLO II° CAPITOLO XI° Come un branco di segugi, dopo aver inseguita invano una lepre, tornano mortificati verso il padrone, co' musi bassi, e con le code ciondoloni.
certo è che un così gran segreto stava nel cuore della povera donna, come in una botte vecchia e mal cerchiata, un vino molto giovine, che grillae gorgoglia e ribolle, e, se non manda il tappo per aria, gli geme intorno, e vien fuori in ischiuma, e trapela tra doga e doga, e gocciola di qua e di là, tanto che uno può assaggiarlo,e dire a un di presso che vino è. e camminava come il lupo,che spinto dalla fame, col ventre raggrinzato, e con le costole che gli si potrebber contare, scende da' suoi monti, dove non c'è neve, s'avanza sospettosamente nel piano,si ferma ogni tanto,con una zampa sospesa, dimenando la coda spelacchiata, leva il muso, odorando il vento infido, se mai gli porti odore di uomo o di ferro, rizza gli orecchi acuti, e gira due occhi sanguigni, da cui traluce insieme l'ardore della preda e il terrore della caccia. Spedire…due uomini a fare…; due altri al casolare a fare la ronda…; e mandare anche altri a mescolarsi con la gente… Gervaso, a cui non pareva…, a cui non pareva..
a cui pareva… Con tutti questi brani di notizie, messi poi insieme e cuciti come s'usa, e con la frangia che ci s'attacca naturalmente nel cucire, c'era da fare una storia d'una certezza e d'una chiarezza tale, da esserne pago ogni intelletto più critico. (stoccata verso i letterati e verso gli storici forniti da tanto acume critico) Una delle più grandi consolazioni della vita è l'amicizia… che non è più possibile di seguirne le tracce.(244-262) …(come alla volte le cose vanno in questo mondo)… Ho visto più volte un caro fanciullo, …. Un gioco simile ci convien fare con i nostri personaggi:(347-357) per quanto noi desideriamo di far fare buona figura al nostro povero montanaro, la sincerità storica ci obbliga a dire che il suo primo sentimento fu di piacere. Similitudini Anafore Interventi dell'autore