Dialoghi "conte zio-conte Attilio" e "conte zio- padre provinciale"

Appunto inviato da rac
/5

Confronto fra due importanti dialoghi dei "Promessi Sposi" e analisi. (2 pagg., formato word) (0 pagine formato doc)

CONFRONTO FRA IDIALOGHI "CONTE ZIO - CONTE ATTILIO" E CONFRONTO FRA IDIALOGHI "CONTE ZIO - CONTE ATTILIO" E "CONTE ZIO - PADRE PROVINCIALE” I due dialoghi riportati dal Manzoni fra il Conte zio e il Conte Attilio prima, il padre provinciale poi, riescono a mostrare e a far capire meglio la vera essenza di questi personaggi, delineandone il carattere e gli atteggiamenti.
Inoltre permettono di far capire al lettore quali fossero a grandi linee i rapporti tra il potere politico e quello religioso, nel '600. Nel dialogo fra il Conte Attilio e il Conte zio, troviamo una netta contrapposizione fra il carattere scaltro e cinico del giovane Attilio e la vanità vuota e pomposa del Conte Zio. Il primo infatti si muove agilmente nel discorso, volgendo sempre la conversazione a suo piacimento e indirizzando il tutto sempre su un terreno a lui favorevole.
Misura le sue parole in ogni loro più piccolo significato e fa in modo di invogliare il Conte zio a comportarsi come desidera lui manovrandolo come un marionetta, senza però che lui se ne renda conto. Ha il potere di manipolare la verità e fa leva sulle debolezze dei suo interlocutore (in questo caso sulla sua vanità, sul buon nome della famiglia che potrebbe essere danneggiato da un inutile scandalo), per arrivare al suo scopo. " ... «Signore zio, che Rodrigo possa aver fatto qualche scherzo a quella creatura, incontrandola per strada, non sarei lontano dal crederlo: è giovine e finalmente non è cappuccino; ma queste sono bazzecole da non trattenere il signore: il serio è che il frate s'è messo a parlar di Rodrigo come si farebbe di un mascalzone, cerca d'aizzargli contro tutto il paese...» «E gli altri frati?» «Non se ne impicciano, perché lo conoscono per un testa calda, e hanno tutto il rispetto per Rodrigo; ma d'altra parte, questo frate ha un gran credito presso i villani, perché fa poi anche il santo ... » «M'immagino che non sappia che Rodrigo è mio nipote.» «Se lo sa! Anzi questo è quel che gli mette più il diavolo addosso.» «Come, come?» «Perché, e lo va dicendo lui, ci trova più gusto a farla vedere a Rodrigo, appunto perché questo ha un protettore naturale, di tanta autorità come vossignoria: e che lui se la ride de'grandí e de'politici, e che il cordone di San Francesco tien legate anche le spade, e che ... » «Oh frate temerario! Come si chiama costui?»... ". Contrapposta quindi all'astuzia di Attilio troviamo l'ottusità del Conte zio che, rappresentando una carica politica non indifferente nel paese, si vede come tutelatore di quei due giovani scapestrati, badando sempre a salvaguardare il buon nome della famiglia. " ... «Via, via; che torto, che torto voi altri due? Che sarete sempre amici, finchè l'uno non metta giudizio. Scapestrati, scapestrati, che sempre ne fate una; e a me tocca di rattopparle: che mi fareste dire uno sproposito, mi date più da pensare voi altri due che, che, tutti questi benedetti affari di stato,»... ". Nonostante tutto, però, è conscio della sua autorità e del