Differenze stile del Petrarca con letterature medievali

Appunto inviato da mattepa
/5

In questo appunto vengono analizzate le differenze fra la concezione della lettereratura del Petrarca e la concezione della letteratura medievale. (File.doc, 1 pag) (0 pagine formato doc)

Petrarca e il suo distaccamento dalla concezione letteraria del medioevo Legenda: N - Nuova concezione M - Concezione medievale N Le opere del Petrarca(incline all'autoanalisi e alla meditazione intima) rappresentano un distaccamento rispetto allo stereotipo medievale.
Le sue opere informano il lettore delle occupazioni private e pubbliche, degli amici, informazioni biografiche, di come trascorre il tempo, dei vantaggi delle nuove dimore ecc… Vuole cioè trasmettere di se un'immagine di uomo saldamente ancorato a terra e non proiettato verso l'eterno e verso Dio. Se Dante tentava di illustrarci il cammino della sua anima e quella dell'uomo che si muove dal peccato alla salvezza, Petrarca ci trasmette la storia di un'anima che è unicamente la sua.
Questo desiderio di confessarsi col lettore, dei suoi pregi e dei suoi difetti è uno degli aspetti più rilevanti della modernità del poeta. N A differenza della mentalità dell'epoca il Petrarca era un cosmopolita (cioè che ha una mentalità aperta). I suoi viaggi per l'Europa e i suoi “ritiri di meditazione\studio” in Valchiusa e Arquà lo allontanarono sempre più dalla dimensione municipale che avevano i letterati dell'epoca. Poi si specializzò esclusivamnìente in ambito letterario, senza dedicarsi ad altre attività(inizialmente avrebbe dovuto frequentare gli studi dì diritto). Questa era una cosa che si verificava sempre allora. Dante stesso era un politico fiorentino. Questo spiega la scelta della carriera ecclesiastica come chierico. N E grazie a questa autonomia e libertà di cui godeva,ma che soprattutto poteva fornire, il Petrarca vive del mecenatismo( cioè chi protegge letterati ed artisti)delle corti e delle ospitalità offerte dai vari signori. Per queste sue innovazioni lo si è definito il precursore dell'umanismo. Petrarca è interessato principalmente ad aiutare l'uomo a trovare la gioia e la verità. Per questo nelle sue opere sono privilegiati rami come filosofia, etica e morale N Un altro degli elementi che lo possono definire come precursore dell'umanesimo è la passione per la lettura e l'interpretazione dei classici antichi(qust'ultima è la filologia). Prima di questo periodo i testi antichi erano “riadattati” alla concezione dell'epoca in ambito religioso(es:il ritorno di Ulisse ad Itaca era inteso come l'uomo che raggiunge la salvezza)mentre Petrarca ne da la giusta interpretazione storica. Riscopre nei monasteri, nelle vecchie biblioteche dei conventi e in generale nei suoi viaggi ,testi antichi, come degli scritti di Cicerone, che senza il suo intervento sarebbero sicuramente stati perduti. N Altro aspetto della visione pre-umanistica del poeta è l'attrazione verso un amore, verso Laura, che non riesce a spiritualizzare, come Dante faceva per Beatrice nella concezione stilnovistica. N O ancora l'interesse alla vita sulla Terra, non vista solo come un stato di passaggio per poi passare alla vita eterna. N L'interesse verso la fama e la gloria, cui aspira prof